la nube di gas chiamata “G2” è ancora sorprendentemente intatta ad un passo dal buco nero al centro della galassia


Le ultime osservazioni del Keck Observatory alle Hawaii mostrano che la nube di gas chiamata “G2” è ancora sorprendentemente intatta, nonostante si trovi molto vicino al buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea.
Gli astronomi dell’UCLA Galactic Center Group hanno riferito che le osservazioni del 19 e il 20 marzo 2014 mostravano ancora un oggetto sufficientemente “robusto” tanto da essere rilevato.
Questo potrebbe significare che G2 non è una semplice nube di gas ma nasconde una stella al suo interno.
L’oggetto G2 fu scoperto nel 2011 da Stefan Gillessen e il suo team del Max Planck Institute.
Appariva come un’enorme massa di gas al centro della nostra Galassia, non lontana ed in direzione di Sagittarius A* (Sgr A*), la sorgente di onde radio al centro della Via Lattea associata al mostruoso buco nero.
Data la situazione, gli astronomi avevano ipotizzato che G2 venisse attirato dal buco nero entro il 2013
A quanto pare, però, resiste oltre le previsioni e a metà marzo era ancora lì: non sta cadendo direttamente nel buco nero ma sta passando a circa 100 volte la distanza tra la Terra e il Sole da Sgr A*.
Secondo gli scienziati, però, sempre troppo vicino ed è comunque condannato alla distruzione.

“G2 sta vivendo il suo massimo avvicinamento ancora intatto. In contrasto con le previsioni per una semplice nube di gas, l’ipotesi è quindi che ospiti una stella al suo interno. Le osservazioni del Keck LGSAO continueranno nei prossimi mesi per monitorare come questo oggetto insolito si evolve emergendo dal periasse”, spiega il gruppo di astronomi nell’ultimo report.
Il fatto che G2 possa contenere una stella al suo interno, rende un evento già straordinario ancora più unico: gli astrofisici hanno la grande opportunità di vivere un’emozionante osservazione in “tempo reale” anche se oggi, G2 non esiste più da circa 25.000 anni, che è il tempo che la luce impiega a viaggiare fino a noi dal centro della Via Lattea.

Fonte