Bigfoot: quasi mezzo secolo di leggenda


da tantissimi anni si raccontano strorie, sula possibile esetistenza di questo misterioso animale; resta solo da capire quanto di vero ci sia in questi racconti e testimonianze. La leggenda del Bigfoot ci accompagna ormai da molti decenni.

 Bigfoot avvistamento italia

Quante volte ci siamo interrogati sulla reale esistenza del Bigfoot, tantissime volte ci siamo chiesti se questa strana creatura faccia parte di questo mondo. Il 2014 è un anno importante per i molti sostenitori dell’esistenza del Bigfoot, infatti è il 45°anniversario della Skamania Country Sasquatch Refuge. Che rappresenta la cosa più vicina al riconoscimento ufficiale del Bigfoot. Skamania Country si trova nel centro del Columbia River, che funge da linea di demarcazione tra gli stati di Washington ed Oregon. Gli irriducibili, entusiasti sostenitori dell’esistenza di questo nostro potenziale lontano parente, si danno appuntamento ogni anno nella località che avrebbe visto per la prima volta il misterioso Bigfoot. La leggenda del Bigfoot ha inizio nel 1969, nel mese di marzo; quando John Durrell stava guidando la sua auto nei pressi di Carson, assieme alla moglie Linda e ai sui due figli. Arrivati a destinazione Linda notò qualcosa di estremamente singolare, una grande creature, si presume fosse il Bigfoot, uscire da un cespuglio e dare un occhiata. La cosa singolare che suscito nella signora Durrell sorpresa, fu nel vedere in prossimità dell’avvistamento della misteriosa creatura, delle grandi orme molto di più di un essere umano, lasciate sulla nave dal presunto Bigfoot. Sbigottiti per l’affascinante scoperta i coniugi Durrell, decisero di contattare l’ufficio dello sceriffo locale. Lo sceriffo recatosi sul posto, rimase anch’egli senza parole, alla vista delle immense impronte. Successivamente con l’aiuto del suo vice, prese i calchi delle impronte lasciate rimanendo sbalordito dalle dimensioni, circa 55cm di lunghezza e 20 di larghezza.

NewImage

In seguito alla grandiosa scoperta, iniziarono numerose ricerche in tutta la zone e nei giorni successivi furono molti i giornali che pubblicarono foto ed articoli sulle impronte che si supponeva appartenessero al Bigfoot. Anche un altro avvistamento, questa volta molto più ravvicinato fu registrato. Stando a quanto riporta la testimonianza di un pescatore del luogo, il signor Cox. Secondo Cox, la mattina del 5 1969, guidando verso Bonneville nelle prime ore del mattino; vide quello che secondo lui a prima vista era un grosso albero in mezzo alla strada. Proseguendo nella direzione che stava percorrendo si accorse che non era un albero, ma un’enorme creatura con dei piedi giganteschi, che con un salto incredibile si dissolse nei boschi. Il signor Cox un po scioccato dalla visione del Bigfoot, segnaloò l’accaduto alle autorità. Acausa dei numerosi avvistamenti segnalati alle autorità, da parte delle persone, il 1°aprile di quell’anno fu emanata un ordinanza nota come, la legge Bigfoot: che rende un crimine uccidere questo presunto animale.

Nel 1984 la legge Bigfoot è stata ridefinita riducendo le sanzioni da 10000$ o 5 anni di carcere, a 1000$ o 1 anno di carcere. Ancora oggi a distanza di cosi tanto tempo, si ricevono segnalazioni in merito all’avvistamento del Bigfoot.

Ancora oggi ogni anno vengono ospitate numerose manifestazioni a Skamania Country dai molti appassionati a questa storia, e ogni anno viene commemorato l’anniversario del primo avvistamento del Bigfoot. Questa singolare storia che da quasi mezzo secolo ci accompagna ancora oggi ci appassiona, anche se in fondo nessuno ha mai potuto fotografare o filmare il misterioso Bigfoot.


Fonte