UN FILAMENTO MAGNETICO SUL SOLE: PROBABILE SVILUPPO DI UN FLARE HYDER


NewImage

Il più grande segno scuro presente nell’atmosfera del Sole non è una regione attiva, ma un filamento magnetico lungo ben 100.000 chilometri da un capo all’altro, facilmente osservabile anche con piccoli telescopi ben schermati. Non è chiaro quanto questa formazione durerà, ma come di consueto, potrebbe schiantarsi sulla superficie stellare e produrre un flare Hyder. L’immagine allegata all’articolo è stata scattata dall’astrofotografo Jack Newton dall’Osservatorio di Osoyoos, nella Columbia Britannica, e mostra l’unica formazione in grado attualmente di produrre brillamenti. La struttura, che segue un periodo di quiete solare, è tenuta in alto dagli intensi campi magnetici del Sole. I previsori della NOAA stimano una probabilità del 25% di flare di classe M e un non trascurabile 5% di probabilità di brillamenti di classe X nelle prossime 24 ore.

I FLARE HYDER

I flare o brillamenti, sono una violenta eruzione di materia che esplode dalla fotosfera del Sole (ma di una stella in genere), con un’energia equivalente a varie decine di milioni di bombe atomiche. Sono osservati generalmente dalla Terra utilizzando filtri a banda stretta, tipicamente con una larghezza della banda inferiore a 0,1 nm, e spesso centrati sulla lunghezza d’onda di 656,3 nm. La maggior parte dei flare si verifica intorno a regioni attive associate a gruppi di macchie solari, tuttavia, di tanto in tanto, questi fenomeni si osservano ben lontani da un gruppo organizzato di macchie, invariabilmente associati all’improvvisa scomparsa di un grande filamento scuro solare: gli Hyder Flare. Nel 1938 Max Waldmeier scrisse un articolo in merito al fenomeno, ma fu lasciato a Charles Hyder la postulazione del meccanismo esatto di questi improvvisi bagliori. Dopo la tesi e il dottorato presso l’università del Colorado a Boulder nel 1964, Hyder pubblicò tre anni dopo due documenti nel secondo volume della rivista Solar Physics, dove ne discusse il meccanismo dettagliato. Il nome deriva quindi dallo scienziato nonostante esso non fu il primo ad osservarli. La comparsa di questi brillamenti possono variare da una serie di nodi luminosi su uno o entrambi i lati del filamento (o meglio, la posizione precedentemente occupata dal filamento), ad un bagliore singolo o doppio. Una caratteristica interessante dei brillamenti Hyder è che di solito si sviluppano o raggiungono la massima illuminazione molto più lentamente di quanto non facciano i flare più comuni associati alle regioni attive. I più grandi possono impiegare da 30 a 60 minuti per salire ad un picco di intensità, e durare anche per diverse ore. Sebbene possano raggiungere una vasta area, di solito hanno un’intensità relativamente bassa. Generalmente non sono associati con emissioni di particelle energetiche o con le tempeste geomagnetiche (il che implica che non può essere associata ad una espulsione di massa coronale). Nel Settembre 2000, tuttavia, una grande espulsione di massa coronale, associata ad un flare Hyder, fu osservata dal coronografo a bordo della sonda SOHO.

NewImage

TEORIE IN COMPETIZIONE

Si pensa che la scomparsa improvvisa di un filamento sia dovuta ad una riconfigurazione del campo. In questo processo, il materiale filamentoso (gas refrigerante) viene accelerato nella corona. La maggior parte del materiale filamentoso, invece di soffrire di accelerazione e di espulsione, cade ai lati del crinale magnetico e interagisce con la materia più bassa cromosferica, producendo il flare. Di recente, tuttavia, il meccanismo è stato messo in discussione. Alcune persone (in particolare Zirin) hanno affermato che la riconfigurazione magnetica deve sempre produrre un’espulsione. I rispettivi ruoli dei brillamenti e delle espulsioni sono state anche oggetto di accesi dibattiti, e questo ha implicazioni per il meccanismo esatto dei flare Hyder. “Siamo certi di avere abbastanza prove per dimostrare che gli Hyder possono essere associati sia alle CME che alla produzione di particelle energetiche” sostiene il ricercatore. Per il momento, la questione del meccanismo di produzione di riacutizzazione appare irrisolto, e probabilmente sarà messo da parte fino a tempo determinato. Ci sono teorie in competizione, ma tutte tendono ad avere carenze rispetto alle corrispondenti evidenze osservative. Noi certamente crediamo che tutti dipendano dalla riconfigurazione dei campi magnetici come fonte di energia primaria, ma in ultima analisi, lo crediamo perché siamo in grado di concepire altre fonti di energia solare di grandezza sufficiente.

NewImage

 

Fonte