La curvatura spazio-tempo è stata misurata grazie a una stella evanescente


La curvatura dello spazio-tempo prevista da Einstein e’ stata misurata grazie ad un’evanescente stella di neutroni appena prima che diventasse impossibile osservarla: bisognera’ attendere almeno 160 anni perche’ torni ad essere visibile dalla Terra. Il risultato, ottenuto da un gruppo internazionale di astronomi guidato dall’universita’ di Amsterdam, e’ stato presentato al congresso della Societa’ americana di astronomia a Seattle ed e’ pubblicato in contemporanea sull’Astrophysical Journal. La stella in questione, distante 25.000 anni luce dalla Terra, e’ una pulsar che emette come un faro onde radio ogni 144 millisecondi mentre trottola intorno ad una stella compagna all’interno di un sistema binario noto come J1906. ”Seguendo il movimento della pulsar – spiega l’astronoma Ingrid Stairs, dell’Universita’ della British Columbia – siamo stati in grado di misurare con estrema precisione l’interazione gravitazionale tra le due stelle: anche se entrambe pesano piu’ del nostro Sole, sono comunque poste ad una distanza l’una dall’altra che e’ 100 volte inferiore rispetto a quella che separa la Terra dal Sole. La fortissima gravita’ che ne deriva genera effetti sorprendenti”. Orbita dopo orbita, infatti, la pulsar si muove attraverso lo spazio-tempo curvato dalla massa della compagna e lo fa inclinando progressivamente il proprio asse di rotazione: al momento i fasci di onde radio che emette a intermittenza non sono piu’ diretti verso la Terra. ”La pulsar e’ ora quasi del tutto invisibile perfino ai telescopi piu’ potenti sulla Terra”, afferma il coordinatore dello studio, l’astrofisico Joeri van Leeuwen, dell’universita’ di Amsterdam. ”Questa e’ la prima volta che una pulsar cosi’ giovane scompare durante la precessione. Per fortuna – aggiunge – questa trottola cosmica tornera’ ad essere visibile, ma l’attesa potrebbe durare 160 anni”.

Fonte