Le antichissime figurine DOGU sfidano ogni spiegazione scientifica


Il periodo Jomon è il primo periodo identificabile nella storia giapponese ed è suddiviso in diverse categorie. Composto da una cultura sedentaria, il popolo Jomon sono  noti per la loro abilità nel lavorare la ceramica precoce e sono considerati i primi ad aver creato le prime forme di ceramica nel mondo.

L’aspetto più significativo sulla cultura Jomon sono i loro Dogu: figurine simili a  uomini o animali   che  sono comparse già nel periodo incipiente, all’incirca tra i14,000-4,000 aC, ma sono state più significativamente prodotte nel periodo centrale. Si ritiene da parte di molti studiosi d’arte e archeologici giapponesi che, nonostante le loro molteplici funzioni possibili, questi lavori sono stati la più probabile testimonianza di una cultura religiosa precoce e riti sciamanici.

Nave Jomon datata al periodo medio, (3000-2000 aC)

La cultura Jomon  probabilmente ha attraversato tutto l’arcipelago giapponese,lo  testimonia la ceramica Jomon trovata in tutte le varie isole. Il più delle volte, queste figurine Dogu sono state trovati in  cerchi di pietre, che indicano una qualche forma di inclinazione spirituale della cultura. Trovare queste figurine tra i morti  può avere  qualche significato  nei rituali nell’aldilà, ma quale può essere esattamente questo significato   non potrà mai essere conosciuto definitivamente. Tuttavia, queste statuette subirono molte forme di trasformazione durante i diversi periodi all’interno della cultura Jomon, che indica sia una raffinatezza di tecnica artistica, senza dubbio ispirata a interazioni  culturali esterne e a un elevato livello di spiritualità. Questo si comprende meglio da un’analisi delle figurine stesse.
Ci sono vari tipi di figure Dogu, suddivisi in quattro gruppi: “(o sopracciglia a forma di mezzaluna) a forma di cuore”, “tipo cornuto-civetta”, “tipo stralunato”, e “il tipo donna incinta.” 

Fig. 1

I vari tipi di figure seguono lo stesso schema di base: tendono ad apparire corte e pesanti, gambe larghe, e le spalle  e i fianchi larghe. Le differenze sono identificate con i nomi già citati delle forme-figure Venus tendono essere più accentuate (Figura 1) e la figura “stralunata” ha  occhi enormi che quasi inghiottono l’ intera faccia (Figura 2). A causa della tendenza di queste forme si tratta di rffigurazione di donne, lo dimostrano i  loro seni e la mancanza di peni-vi è una credenza molto importante tra gli studiosi che l’Dogu avrebbero potuto essere statue di fertilità.

Fig.2

Guardando  la figura 1 Dogu , è comprensibile  una funzione simile a causa dell’enfasi della figura. Ancora una volta, mentre tutti hanno trovato anche e le spalle larghe in parti Dogu, c’è un’enfasi accentuata sulla figura venus  come visto nelle maniglie dell’amore e il petto nudo in Figura 1. Posizionamento questa rappresentazione con il calendario deiJomon, un tempo nella storia quando la conoscenza medicinale era limitata e il rischio di morire di parto era alta, queste immagini di fertilità sarebbero state due importanti fonti di fede e di speranza per la continuazione delle linee familiari. Così, queste figure potrebbero aver agito come offerte divine dal popolo Jomon, preghiere fisiche e rappresentante per la consegna sicura.
Un’altra variante delle figure Dogu sono del tipo già citato “stralunato”, descritta dagli studiosi   come “astronauti”, perché i loro occhi   sono esagerati (Figura 2). La pertinenza di questa descrizione è che questi non sono stati certamente utilizzati nello stesso modo delle Veneri, basati strettamente sul collocamento di enfasi. Ancora a livello fianchi, gli occhi sono la loro caratteristica più importante, così si può presumere che loro vigilanza era la loro importanza.
Il Jomon erano una società di cacciatori e raccoglitori, così come lo erano la maggior parte dei gruppi del periodo, tuttavia la loro unicità era deposta nel loro sicurezza. Essi, a differenza di altre culture, hanno avuto una scorta abbondante di cibo, poco rischio di invasione a causa della loro posizione, e quindi un sacco di tempo libero. Così, la loro vigilanza certamente non sarebbe applicato a tentativi di caccia o di guerra. La vigilanza, se questo è davvero l’intenzione della maschera con gli occhi sa rebbe molto probabilmente potutaapplicare alla religione, allo stesso modo delle figure votive degli antichi sumeri votivi.
Ancora una volta, è impossibile sapere definitiva lo scopo dei Dogu, quindi è logico rivolgersi ad altre culture . Nella cultura sumera, le figurine umane erano spesso collocate sulle aste di ziggurat come permanenti controfigure per adoratori, così gli dei erano consapevoli del fatto che queste persone pregavano costantemente . Questi Dogu “stralunati” potrebbero essere stati utilizzati per lo stesso tipo di sostituzione religiosa, siano essi rappresentavano una particolare divinità o erano destinati a rappresentare il viaggio di una persona per l’aldilà.
Cosa che tutte le forme del dogu hanno in comune sono postulati per le loro funzioni. Il concetto già citato di protezione, fertilità o miglioramento avvalora l’idea per la teoria di una credenza Jomon in pratiche magiche. Non è noto con certezza se il Jomon aveva l’equivalente di donne o uomini saggi, gli sciamani o sacerdoti, ma nel rivedere tutte le prove discusse, ci sembra essere una forma di pratica religiosa in gioco con le figurine. Essi sono stati, come detto, prevalentemente scoperte in fosse o cerchi di pietra (considerato da studiosi equivalenti a santuari), indicando con le loro posizioni che sono stati senza dubbio utilizzati in riti di qualche tipo.
Ancora più importante, e pertinente a questo argomento, tutti i vari tipi di Dogu , furono intenzionalmente trovati rotti. Non ci sono prove che essi sono stati consumati dal tempo o rotti per caso. Secondo la  borsa di studio in corso, ci sono indicazioni definitive che sono stati rotti di proposito.

Jomon statua di creta, Kazahari io, Aomori Prefecture . Periodo Tardo (1500 – 1000 aC).

Come il Dogu scomparso dal momento del cambiamento culturale nel periodo di Yayoi, 300 aC-300 dC, è logico supporre che le figurine erano Dogu particolare alla cultura Jomon anziché adottato e adattato dai nuovi coloni. Pertanto, qualunque scopo   avevano per il Jomon è stato perso dal momento in cui il periodo di Yayoi si è concluso. Tuttavia, a causa della loro somiglianza con altre forme religiose di arte pre-storica, i risultati di Dogu in luoghi come cimiteri-innate della religione e la rottura intenzionale apparente delle statue, si può logicamente postulato che queste cifre erano parte di una qualche forma di cultura religiosa e sciamanica nel periodo Jomon. E ‘semplicemente la sfortuna di tempo che questo non può essere conosciuto definitivamente.

Fonte