1462741026941957.png

L’aspirapolvere degli oceani primordiali


Un nuovo studio dei fossili di un rettile acquatico dal muso “a martello” lo descrive come il più antico lucertolone marino vegetariano scoperto finora.


Un’antica creatura marina con il muso simile al beccuccio di un aspirapolvere potrebbe essere stata uno dei primi rettili acquatici erbivori. La scoperta di due nuovi fossili di Atopodentatus unicus, un bestione di 2,5-3 metri di lunghezza vissuto 244 milioni di anni fa, nel Triassico, ha portato i paleontologi a ridiscutere l’anatomia dell’animale, e a precisarne le abitudini alimentari.

La descrizione dei primi resti di Atopodentatus (letteralmente “dente atipico”) mai rinvenuti, nel 2014, suggeriva che il rettile avesse un muso allungato in verticale, simile al becco di un fenicottero, che usava per stanare dai fondali fangosi i piccoli invertebrati della sua dieta.

2515.jpg

Ma i nuovi fossili trovati nella contea di Luoping, nella provincia cinese dello Yunnan, offrono nuovi dettagli sull’apparato mandibolare e sulla dentatura del rettile, più probabilmente un erbivoro di mare, il più antico di cui si abbia traccia. Più simile all’estremità di un aspirapolvere che al becco verticale di un fenicottero, il muso dalla forma a T dell’Atopodentatus ospitava, nella parte centrale, denti a forma di scalpello, mentre ai lati delle mascelle si trovavano piccoli denti a forma di ago, allineati in una fila fitta e serrata.

Questa conformazione non è congeniale alla masticazione di prede. È più probabile che il rettile usasse i denti frontali per staccare alghe e altre piante dalle superfici rocciose, e poi, con la bocca chiusa, succhiasse l’acqua ormai ricca di frammenti vegetali filtrando le piante con i denti appuntiti, che trattenevano il cibo prima che venisse ingoiato. Insomma la curiosa creatura, forse imparentato con i plesiosauri, gli antichi rettili acquatici dal collo allungato, si aggirava per i fondali ripulendoli come un aspirapolvere.

Normalmente si ritiene che il 95% della vita acquatica preistorica sia stata spazzata via dall’estinzione della fine del Permiano, 252 milioni di anni fa. Trovare una creatura dalle così bizzarre abitudini alimentari vissuta poco tempo dopo dà l’idea della velocità e della creatività con cui la vita riprese ad esplodere.

Fonte