nh-kbo-deep_press_anno

New Horizons “guarda oltre” Plutone, osservato 1994 JR1 un oggetto della fascia di Kuiper


 

In attesa che venga ufficialmente approvata la missione estesa nella fascia di Kuiper, la Kuiper belt Extended Mission (KEM), la sonda della NASA New Horizons sta scaldando i motori iniziando ad esplorare alcuni tra gli oggetti più remoti del nostro Sistema Solare.

dc240c00d724ca0776b18bf8d646678c_XL.jpg

Grazie ai dati sulla curva di luce, cioè sulle variazioni della luce riflessa dalla superficie dell’oggetto, è stato possibile determinare il periodo di rotazione di 5,4 ore di 1994 JR1.

1994 JR1 è stato osservato due volte.

Fu scoperto il 12 maggio del 1994 da M. J. Irwin e A. Zytkow con il telescopio Isaac Newton dell’Osservatorio Roque de los Muchachos a La Palma. E’ un KBO (Kuiper Belt Object) di 145 chilometri di larghezza, in orbita ad oltre 5 miliardi di chilometri da Sole.

Rilevato da New Horizons a novembre 2015 da una distanza di 280 milioni di chilometri, è stato fotografato dal sistema di imaging LORRI (Long Range Reconnaissance Imager) il 7 e l’8 aprile 2016, da 111 milioni di chilometri.

nh-kuiper-belt-loop.gif

1994 JR1 ripreso dalla fotocamera LORRI il 2 novembre 2015.

Quando sono state scattate queste foto, l’oggetto si trovava a 5,3 miliardi di chilometri dal Sole e a 280 milioni di chilometri da New Horizons.

Grazie alle osservazioni di novembre 2015 ed aprile 2016, possiamo determinare la posizione di JR1 entro i 1000 km, di gran lunga meglio che per qualsiasi altro piccolo KBO“, ha dichiarato nel report Simon Porter del Southwest Research Institute (SwRI) di Boulder, Colorado.

Una conoscenza più accurata dell’orbita ha anche permesso di sfatare una teoria di qualche anno fa, secondo la quale JR1 sarebbe stato un quasi satellite di Plutone.

Le osservazioni più recenti hanno consentito, inoltre, di determinare il periodo di rotazione dell’oggetto, osservando le variazioni della luce riflessa dalla superficie (immagine in apertura). 1994 JR1 ruota in 5,4 ore che “è relativamente veloce per un KBO“, ha commentato John Spencer sempre dello SwRI.

Fonte