1464084902_cerotto-smart-em

Il cerotto ispirato a Star Trek che monitora i parametri vitali


Come il tricorder, Chem Phys è un cerotto high tech in grado di rilevare contemporaneamente battito cardiaco e sforzo fisico.


Un cerotto hi-tech, che si applica sul petto ed è in grado di misurare contemporaneamente la frequenza cardiaca e lo sforzo fisico. Lo hanno appena sviluppato gli scienziati dell’Università della California di San Diego, battezzandolo Chem-Phys. Come raccontano sulle pagine di Nature Communications, il dispositivo comunica in tempo reale con pcsmartphonesmartwatch, inviando le informazioni su segnali elettrici parametri biochimici del corpo di chi lo indossa. “Il nostro obiettivo era quello di creare un dispositivo indossabile simile al Tricorder, il supercomputer della famosa serie tv Star Trek, in grado di analizzare in pochi secondi un’intera gamma di informazioni fisiche e biochimiche del corpo”, spiega Patrick Mercier, uno degli autori del lavoro. “La nostra ricerca dimostra, per la prima volta al mondo, la fattibilità di un dispositivo del genere”.

Nonostante siano già in commercio molti dispositivi che permettono di rilevare il battito cardiaco o la quantità di ossigeno nel sangue, Chem-Phys è la prima e unica patch che riesca a misurare simultaneamente sia la frequenza cardiaca sia le informazioni biochimiche contenute nel sudore.

Il cerotto è provvisto di tre sensori sottili posizionati su un foglio di poliestere: uno per la misurazione dei livelli dell’acido lattico, un marcatore dello sforzo fisico e due per la misurazione della frequenza cardiaca. I sensori sono a loro volta collegati a un piccolo chip bluetooth, alimentato da una batteria a ioni di litio, che trasmette in modalità i dati raccolti direttamente al computer.

Per verificare l’efficacia del dispositivo, gli esperti lo hanno applicato alla base dello sterno di tre uomini mentre svolgevano un intenso allenamento su una cyclette e confrontato poi i parametri registrati dalla patch alle misurazioni tradizionali della frequenza cardiaca (attraverso un braccialetto commerciale con cardiofrequenzimetro). “Questo è solo il primo passo nello sviluppo di sensori indossabili in grado di rilevare sia la frequenza cardiaca che le informazioni biochimiche. Ora abbiamo intenzione di aggiungere sensori per altri marcatori chimici, come potassio e magnesio, nonché per altri parametri vitali”, spiega ancora Mercier. “In futuro, dispositivi come Chem-Phys potrebbero così avere una vasta gamma di applicazioni in campo sportivo o per il monitoraggio di pazienti con malattie cardiovascolari”.

Fonte