cefalopodi

Proliferazione dei cefalopodi negli oceani negli ultimi 60 anni


L’aumento è consistente in sei diverse famiglie e in 35 specie che vivono in parti molto diverse del mare.


Una nuova ricerca internazionale, realizzata dagli scienziati dell’Università di Adelaide, South Australia, suggerisce che il numero di cefalopodi (polpi, seppie e calamari) negli oceani di tutto il mondo, è aumenta nel corso degli ultimi 60 anni.

Questo aumento diffuso può essere guidato dai cambiamenti su larga scala dell’ambiente marino. Per studiare le tendenze a lungo termine dell’abbondanza delle specie di cefalopodi, i ricercatori hanno compilato un database globale che mostra i tassi di cattura di cefalopodi.

Le nostre analisi hanno mostrato che i cefalopodi sono aumentatati dal 1950, un risultato che era notevolmente coerente in tre gruppi distinti,” dice l’autore il Dott Zoë Doubleday, Research Fellow presso l’Istituto dell’Ambiente e della School of Biological Sciences.

I cefalopodi sono spesso chiamati “le erbacce del mare” in quanto hanno un unico insieme di caratteristiche biologiche, tra cui una rapida crescita, durata di vita breve e lo sviluppo flessibile. Questi permettono loro di adattarsi alle mutevoli condizioni ambientali (come la temperatura) più rapidamente di molte altre specie marine, il che suggerisce che essi stanno beneficiando di un ambiente marino che cambia.

Secondo il Dott Doubleday, lo studio ha avuto origine dall’indagine sui numeri decrescenti delle seppie australiane giganti: “C’è stato un sacco di preoccupazione per una rapida diminuzione della iconica seppia australiana gigante che trovava terreno fertile nel Golfo di Spencer in South Australia. Per determinare se modelli simili si verificavano altrove, abbiamo compilato questo database su scala globale. Sorprendentemente, le analisi hanno rivelato che i cefalopodi, nel loro complesso, sono in crescita.

Gli esperti pensano che i cambiamenti globali che si verificano negli oceani di tutto il mondo e che causano l’aumento delle specie di cefalopodi, sono stati indotti dalle attività umane.

Cefalopodi sono un gruppo ecologicamente e commercialmente importante di invertebrati che sono molto sensibili ai cambiamenti nell’ambiente. Al momento stiamo indagando su ciò che può essere la causa della loro proliferazione. Il riscaldamento globale e la pesca eccessiva di specie ittiche sono due teorie. E’ una domanda difficile ma importante in quanto ci può raccontare una storia ancora più grande di come le attività umane stanno cambiando l’oceano“, ha detto il professor Bronwyn Gillanders.

Secondo il Dott Doubleday,  i cefalopodi sono presenti in tutti gli habitat marini e sono una fonte di cibo importante per numerose specie, per cui l’aumento osservato ha implicazioni significative e complesse sia per la catena alimentare marina che per gli esseri umani.

Fonte