vimanas-ancient-ufo-india_thumb[1]

Veicoli spaziali riportati in alcuni testi antichi


Non molto tempo fa, alcuni ricercatori cinesi hanno scoperto quelli che secondo loro erano degli schemi progettuali per la costruzione di astronavi interstellari in grado di avvalersi di sistemi di propulsione antigravità.

Il presunto manoscritto risalente al IV secolo aC e scoperto nella località di Lhasa Tibet, ora in possesso dei cinesi potrebbe far estendere le frontiere della scienza moderna e riscrivere la storia così come la conosciamo.

Si ritiene che i testi antichi scoperti in Tibet sono parte di un più ampio insieme di scritti in sanscrito, che descrivono degli avanzati sistemi di propulsione e i diversi Vimana da loro utilizzati. Per scoprire a che cosa si riferivano questi vecchi documenti, il testo sanscrito è stato inviato al Dr. Ruth Reyna dell’Università di Chandrigarh affinché ne potesse tradurre il contenuto.

Secondo alcune indiscrezioni, il Dr. Reyna sarebbe giunto alla seguente conclusione:

“Trattasi di istruzioni per la costruzione di veicoli spaziali Interstellari spinti da sistemi di propulsione anti-gravità”. 

Questi sistemi propulsivi sarebbero alimentati da una forza centrifuga in grado di contrastare la gravità. Gli indù Yogi sostengono che questa forza permetterebbe al corpo di levitare (salire e sfidare la gravità). Oggi, nulla di nuovo è stato scritto circa gli enigmatici testi sanscriti e sul loro arcano contenuto.  Mentre gli scettici sostengono che non vi è nulla di reale in questi testi sanscriti che descrivono delle ipotetiche navicelle interstellari, un antico sanscrito, il Samarangana Sutradhara sembra sostenere il contrario.

“Forte e durevole deve essere il corpo del Vihmana molto simile a un grande uccello volante costruito con materiale leggero. Al suo interno trova posto un motore alimentato da mercurio, con il suo apparato inferiore progettato per il riscaldamento. Attraverso la forza latente del mercurio e agli effetti vorticosi provocati dai propulsori, un uomo seduto nel suo interno è in grado di percorrere grandi distanze nel cielo. I movimenti del Vimana sono tali che il dispositivo può salire verticalmente e muoversi avanti e indietro. Con l’aiuto di questa macchina, gli esseri umani possono volare nel cielo e gli esseri celesti scendere sulla Terra. “

Fonte