Due strategie per sopravvivere alla prossima estinzione di massa


La prossima estinzione di massa è in arrivo. Anzi, è già in corso.

L’ultima volta che il nostro pianeta ha vissuto un evento simile è stato circa 250 milioni di anni fa. Ogni genere di organismo ne è rimasto coinvolto: le piante, gli invertebrati, i vertebrati marini e terrestri. Gli scienziati chiamano questo catastrofe l’estinzione di massa del Permiano-Triassico.

In questo momento, stiamo assistendo alla sesta estinzione di massa conosciuta sulla Terra. Ma questa volta le cause non sono da ricercarsi nell’impatto devastante di un asteroide, nelle violente attività vulcaniche o nel crollo delle temperature di una nuova era glaciale. Il problema siamo noi.

Allora, cosa può fare un animale intelligente di fronte al rischio della potenziale scomparsa della sua specie e della maggior parte delle altri esseri viventi? Prepararsi.

Uno studio pubblicato su Scientific Reports può rivelarsi utile nel prevedere come il progressivo deterioramento dell’ambiente e l’esaurimento delle risorse naturali causati dai cambiamenti climatici eserciteranno un impatto sulle specie moderne, esseri umani compresi.

Quando una serie di eruzioni vulcaniche Siberiane ha dato il via all’estinzione di massa del Permiano-Triassico, nell’atmosfera sono state rilasciate enormi quantità di carbonio che hanno alterato il clima terreste causando l’estinzione della maggior parte delle forme di vita.

Tuttavia, una specie sopravvissuta all’estinzione ha continuato a prosperare per molto tempo. Un team internazionale di paleontologi ha esaminato approfonditamente le prove fossili dei modelli di crescita—antecedenti e posteriori all’estinzione di massa—di un antico rettile che possedeva varie caratteristiche in comune con i mammiferi: il Lystrosaurus. Secondo lo studio, i reperti fossili hanno rivelato che il Lystrosaurus ha sfruttato due tattiche di adattamento per sopravvivere nell’ambiente circostante diventato inospitale: vivere al massimo e morire giovane.

“In base a quanto possiamo capire dai resti fossili di cui disponiamo, prima dell’estinzione di massa del Permo-Triassico, il famoso terapside noto come Lystrosaurus viveva in media circa 13 o 14 anni,” ha dichiarato uno dei co-autori dello studio Ken Angielczyk, paleontologo presso il Field Museum, invece, quasi tutti gli esemplari ritrovati di Lystrosaurus risalenti a periodi successivi all’estinzione di massa non erano più vecchi di 2-3 anni. Ciò implica che, per sopravvivere, gli esemplari della sua popolazione abbiano iniziato a riprodursi quando erano ancora relativamente giovani.

Gli autori hanno sottolineato anche che la diminuzione della durata media della vita dei Lystrosaurus si accompagnava anche a modifiche nella loro corporatura. Dato la durata media della vita di queste creature si era accorciata a circa un quarto rispetto a quanto capitava prima dell’estinzione di massa, gli esemplari sono diventati più piccoli, meno pesanti—pensate al rapporto tra le dimensioni di un ippopotamo pigmeo e quelle di un cane di grossa taglia—ma molto più prolifici. Secondo le ricostruzioni, i Lystrosaurus hanno iniziato a riprodursi in età più giovane, aumentando del 40 per cento le proprie possibilità di sopravvivenza.

1459885814409753.jpg

Gli scienziati non hanno dovuto compiere un grosso sforzo per applicare questo scenario di adattamento anche agli animali moderni. Lo studio segnala che i merluzzi sono già diminuiti drammaticamente nelle dimensioni e cercano di riprodursi il più presto possibile a causa della pesca commerciale che decima gli esemplari selvatici più grandi.

I varani africani, che oggi vengono sfruttati abbondantemente per il pellame o per venderli come animali domestici, stanno adottando strategie simili.

“Con il mondo che va incontro alla sua sesta estinzione di massa, la paleontologia puoi aiutarci a capire la situazione odierna,” ha spiegato Angielczyk in un comunicato. “Studiando i metodi di adattamento di animali come il Lystrosaurus di fronte a cataclismi naturali, possiamo prevedere come gli i mutamenti ambientali di questa epoca influenzeranno le specie attuali.”

Ma, come rivelano le timeline delle specie estinte, non tutte le specie sono resistenti come il Lystrosaurus. Secondo il World Wildlife Fund, ogni anno almeno 10.000 specie scompaiono per sempre, un tasso di estinzione tra le 1.000 e le 10.000 volte superiore a quello naturale.

Schermata 2016-06-01 alle 19.37.55.png

Fonte

Annunci