terr1.630x360

Nel nucleo della Terra il tempo è più lento


La diversa forza di gravità tra il nucleo terrestre e la crosta fa sì che il tempo scorra diversamente: il centro della Terra è più giovane della sua superficie.


Se due orologi perfettamente sincronizzati fossero stati messi, quando la Terra si è formata, uno nel cuore del pianeta e uno sulla sua superficie, oggi segnerebbero date differenti: quello al centro della Terra sarebbe di 2 anni e mezzo più indietro. Il nucleo del nostro pianeta è dunque di 2,5 anni più giovane della crosta.

 Sembra l’ennesimo paradosso della fisica, e invece è una realtà provata, diretta conseguenza degli effetti della gravità, e descritta dalla Relatività Generale di Albert Einstein: la posizione all’interno di un campo gravitazionale modifica la velocità relativa del tempo. Un’idea e un fatto completamente controintuitivi, e tuttavia dimostrati sperimentalmente anche grazie agli orologi atomici dei satelliti GPS – benché in questo caso le differenze rilevate con gli orologi a Terra sono nell’ordine dei secondi, non di anni.

Nel 1960 il noto fisico e premio Nobel (nel 1965) Richard Feynman aveva ipotizzato che la differenza di tempo tra il nucleo terrestre e la superficie, dagli inizi della storia della Terra ad oggi, doveva essere di 1 o 2 giorni. In molti hanno dato credito a questo risultato, altri erano scettici, altri ancora lo contestavano apertamente – vista l’esigua differenza su un lasso di tempo così lungo.

Ora il fisico Ulrik Uggerhøj (università di Aarhus, Danimarca) ha voluto verificare la questione, anche perché pare che in un appunto separato Feynman abbia scritto anni, non giorni.

Uggerhøj ha perciò applicato le equazioni della Relatività utilizzando la differenza di potenziale gravitazionale tra il centro della Terra e la superficie, scoprendo che la dilatazione del tempo è di circa 3 x 0,0000000001 (ossia 3×10^-10) per secondo un valore piccolissimo, ma che moltiplicato per tutti i secondi di 4,5 miliardi di anni porta a una differenza di 2,5 anni.

E NEL SOLE?

«Ovviamente è un calcolo teorico: non possiamo mandare nessuno al centro della Terra per verificare la realtà, ma finora non siamo mai stati traditi dalla Relatività», ha commentato Uggerhøj, che ha fatto lo stesso calcolo anche per il Sole: «Considerata l’enorme massa della nostra stella, i calcoli suggeriscono che tra il centro – più giovane – e la superficie del Sole ci sia oggi una differenza di età di ben 40.000 anni!».

Fonte

2 pensieri su “Nel nucleo della Terra il tempo è più lento

  1. Umberto il problema è che l’Autore non si rende conto che la gravità al centro di un oggetto perfettamente sferico e di massa omogenea è … pari a zero perché le masse sovrastanti tirano in tutte le direzioni annullando la forza gravitazionale. La relatività pone al centro del pianeta il max gravitazionale e questo è un grave vulnus, in cui l’autore acriticamente cade. Complimenti per il lavoro che fai.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.