Il monte Ruapehu dallo spazio


Il Monte Ruapehu è il più grande vulcano attivo in Nuova Zelanda e si trova all’estremità meridionale della zona vulcanica di Taupo.

Ha eruttato 66 volte dal 9850 a.C, secondo il Global Volcanism Program.   Nel 1953, l’invio di un lahar nel fiume Whangaehu ha causato la distruzione di un ponte ferroviario e la morte di 151 persone. Lahar è una parola indonesiana che si riferisce ad una rapida miscela fluida di detriti di roccia e di acqua proveniente da un vulcano. Grandi quantità di lahars possono presentare un pericolo naturale significativo.

Proprio la minaccia di lahar, in combinazione con il gran numero di persone che utilizzano regolarmente la montagna, ha spinto i geologi a monitorare lo stravulcano Ruapehu. Gli scienziati e GNS Science conducono lo sforzo, mantenendo una rete di sensori sismici e microfoni, monitorando il lago con webcams e conducendo prove frequenti delle acque del lago per cercare segni di attività chimiche imminenti.

I satelliti offrono invece un’altra prospettiva. Per esempio, l’Advanced Spaceborne Thermal Emission and Reflection Radiometer (ASTER) sul satellite Terra della NASA è in grado di rilevare le lunghezze d’onda infrarosse termiche e quindi essere usato per osservare  i vulcani in procinto di eruttare. Il 20 aprile 2016, ASTER ha catturato questa immagine del Mount Ruapehu.

Nell’immagine la vegetazione è indicata con il colore  rosso, il lago del cratere con l’azzurro e le rocce con il colore marrone. L’immagine nell’inserto più piccolo, è stata realizzata con le osservazioni di raggi infrarossi termici di energia e mostra le aree più calde a temperature più fredde in giallo e viola.

lake_620x310.jpg

Nel mese di aprile 2016, la temperatura del lago del cratere di Ruapehu è aumentaa da 20 a 45°C. Il 17 maggio GeoNet ha riferito che la temperatura del vertice del Ruapehu Crater era scesa da un massimo di 46 °C a 39 °C, con un po’ del decremento, attribuito alla pioggia e alle nevicate. L’analisi di campioni di acqua raccolti nella settimana precedente non ha mostrato cambiamenti nella chimica del lago anche se il tremore vulcanico ha continuato. Durante le visite recenti, gli scienziati hanno misurato una produzione maggiore di gas vulcanici. Il livello di allarme vulcanico è rimasto a 2.

Fonte

Annunci