Witness_the_Birth_of_a_Star

Un oggetto cosmico “molto particolare”


Herbig-Haro “HH 47” è un getto stellare bipolare di 4,83 miliardi di chilometri di lunghezza e 10 volte la larghezza del nostro Sistema Solare. Si trova ai margini della nebulosa Gum, circa 1140 anni luce di distanza nella costellazione meridionale della Vela.

Gli oggetti Herbig-Haro (HH), nome degli astronomi George Herbig e Guillermo Haro, sono getti di gas e materiali espulsi da giovani stelle a velocità da 100 a 1000 Km/s, che si scontrano con le nubi di gas e polveri circostanti. Sono presenti nelle regioni di formazione stellare, diversi visti spesso anche attorno ad una singola stella, allineati lungo il suo asse di rotazione. Questi oggetti sono fenomeni transitori, della durata di non più qualche migliaio di anni. Possono evolversi visibilmente in tempi abbastanza brevi, muovendosi velocemente lontano dalla loro stella madre nelle nubi di gas nello spazio interstellare.

La protostella, in basso all’interno di un globulo di Bok, (nube oscura) contenente acqua e anidride carbonica e altre molecole organiche, sta espellendo un getto a deflusso bipolare. Ha scavato una cavità attraverso la nube di gas e ora viaggia ad alta velocità nello spazio interstellare. I filamenti bianchi riflettono la luce proveniente dalla stella neonata oscurata.

hh47_2.jpg

HH 46/47 è situato sul bordo meridionale della Nebulosa di Gum, sulla punta di una nube oscura dall’aspetto cometario nota come Sa111; a causa della sua particolare facilità di osservazione e dell’elevata collimazione fra i due capi del getto, questa struttura è stata oggetto di numerosi studi. Il corpo principale della struttura a getto è costituita da HH 47A, da cui si diramano due deboli strutture ad arco, mentre l’estremità opposta del getto è nota come HH 46; la lunga scia di aspetto nodoso che mette in comunicazione i due getti principali è catalogata come HH 47B.

Herbig-Haro-object-HH-47

La sorgente del getto è nascosta nel globulo e l’estremità maggiore, composta da HH 46 e HH 47A, B e D, è la parte rivolta verso il Sole; la parte remota e sospinta nella direzione opposta a noi è invece identificata come HH 47C. Data la distanza media di circa 450 parsec, l’oggetto possiede una lunghezza di circa 3 parsec.