ufo Georgia

Nel 2002 la Georgia fu sorvolata da un gran numero di oggetti volanti non identificati


Cose incredibili sembrano essere accadute nel 2002 nello spazio aereo georgiano quando alcuni dispositivi sconosciuti furono visti stazionare nel cielo.

Secondo i media georgiani, tali avvistamenti si sarebbero verificati tra il 2 e il 3 ottobre 2002 il cui evento attirò l’attenzione anche della prestigiosa testata giornalistica Novye Izvestija secondo il quale i rappresentanti di civiltà extraterrestri avrebbero espresso un particolare interesse per i campi situati in prossimità della città di Rustavi dove un residente sarebbe riuscito a documentare su videocassetta delle astronavi aliene.

In un’intervista a “Novye Izvestija” Georgi, questo è il nome del testimone, ha spiegato che tutto ha avuto inizio da una storia raccontata dai suoi figli i quali gli riferirono  di aver osservato una strana luce nel cortile antistante un campo di gioco la quale era cosi’ strana da costringere i bambini a correre verso casa raccontando l’accaduto al loro genitore, Giorgi Cheishvili.

Cio’ che avrebbero osservato i bambini nel cielo scuro erano degli strani fulmini accompagnati da un potente fascio luminoso che per qualche minuto scansiono’ il suolo. Secondo la loro testimonianza, da uno di questi dispositivi sarebbe stata espulsa verso terra una misteriosa palla luminosa che dopo circa quattro minuti fu risucchiata all’interno di uno dei dispositivi volanti i quali scomparvero subito dopo in un bagliore accecante . Secondo quanto riferito da Georgi, in un primo momento era convinto che le storie raccontate dai bambini fossero solo il frutto della loro fervida immaginazione. Ma il giorno dopo, alla stessa ora e precisamente verso le nove di sera, i ragazzi lo chiamarono di nuovo invitandolo ad uscire da casa per assistere a un fenomeno straordinario.

A questo punto Georgi afferrò la sua macchina fotografica e corse in cortile dove quello che vide sembro’ andare al di là di ogni possibile spiegazione. La prima sensazione che provo’ il genitore fu quella di trovarsi seduto di fronte ad un enorme schermo del cinema e di assistere ad una scena fantastica degna di Hollywood. Ma quando un quarto d’ora più tardi, Georgi decise di visionare la videocassetta, si rese conto di aver filmato qualcosa che ricordava una sceneggiatura di “Star Wars”. Ciò che fu osservato nel cielo erano sei o sette oggetti discoidali che stazionavano immobili ad un’altezza di circa un centinaio di metri. Gli oggetti volanti particolarmente luminosi avevano un diametro di circa una cinquantina di metri mentre il loro centro era caratterizzato da una serie di sfere scure. Lentamente e in modo progressivo i dispositivi volanti si spostarono formando degli schemi complessi, per poi iniziare a girare sul proprio asse. Tutto questo spettacolo di luci durò non più di dieci minuti fino a quando uno di questi dischi volanti non fu avvicinato da alcuni strani elicotteri che costrinsero gli oggetti a scomparire velocemente senza lasciare alcuna traccia del loro passaggio. Nonostante la presenza di un video e di numerose testimonianze rese da altri cittadini, gli ufologi locali non mostrarono alcun interesse per quella che sembrava un’autentica invasione di strani oggetti volanti non meglio identificati. Secondo Georgi Cheishvili, nessuno degli scienziati si prese la briga di ispezionare il luogo, dove il 2 ottobre 2002 atterrò la prima sfera incandescente. Alcuni sostengono che il giorno precedente il luogo era stato ispezionato da alcuni ricercatori in uniforme la cui base militare si trovava nella zona di Rustavi Yalgudzha, dove gli istruttori statunitensi addestravano le forze speciali georgiane nel quadro del programma “Train and Equip”.

Secondo il “Nuovo News”,la videocassetta contenente il filmato girato da Georgi fu inviato a Londra per essere sottoposto a delle analisi . Il presidente georgiano dell’Associazione UFO Zaza Elilashvili ha voluto condividere “la sua esperienza” nel campo dell’ufologia, il quale fa notare che non sempre gli oggetti volanti non identificati vengono individuati dalle installazioni radar, poiché possono visivamente sparire e riapparire dopo un certo periodo di tempo.  Gli esperti militari ancora non sono riusciti a fornire una risposta di quanto accaduto quel giorno del 2002. L’ufologo Zaza Elilashvili ha dichiarato che un fenomeno simile è stato osservato anche nel cielo di Tbilisi. Ciò che fu osservato sulla capitale della Georgia, erano tre luminosi oggetti sferici che si muovevano in un percorso arcuato per poi scomparire dopo un breve periodo di tempo.

Per uno studio approfondito di questi fenomeni avrebbero dovuto ricorrere all’impiego di costose attrezzature il cui acquisto non poteva essere finanziato dall’associazione ufologica locale e questo spiega perché questi sconcertanti fenomeni non sono stati studiati dagli esperti dell’Accademia delle Scienze della Georgia. Anche le informazioni relative all’ondata di avvistamenti UFO nei cieli sopra Rustavi non furono prese sul serio dal Ministero della Difesa georgiano. Come riferito dal capo di questo dipartimento, Nino Sturua, quel giorno, i radar militari dislocati nella zona di Rustavi non rilevarono nulla di anomalo ne tanto meno il volo di ipotetici oggetti volanti non identificati.

Fonte