Limb-Transplant

Dipinto del 14 ° secolo raffigura il trapianto di un arto che si è verificato 1.500 anni fa


I ricercatori dicono di aver trovato la prima rappresentazione di chirurgia dei trapianti in un dipinto che raffigura una scena del 5 ° secolo dC, almeno 1.400 anni prima che i moderni medici  teorizzassero il trapianto.

Il dipinto del 14 ° secolo, che si trova nel Museo d’Arte della North Carolina a Raleigh, North Carolina, Stati Uniti, mostra la storia di un presunto miracolo da parte dei Santi Cosma e Damiano, il quale, secondo la leggenda, presero una gamba di un uomo  deceduto e sostituito la gamba in cancrena di un uomo vivo.

Schermata 2016-06-27 alle 18.24.08

I ricercatori italiani dicono che è la prima rappresentazione di un trapianto di arto. Il dipinto, realizzato a tempera e foglia d’oro su tavola, è una pala d’altare raffigurante il miracolo del 474 dC dall’artista italiano Matteo di Pacino.

I ricercatori sono Antonio Perciaccante del dipartimento dell’ ospedale di medicina di Gorizia ; Frank Rühli, direttore dell’Istituto di  Medicina evolutiva presso l’Università di Zurigo; Francesco Maria Galassi, ricercatore principale del progetto italiano di Paleopatologia a IEM; e Raffaella Bianucci, una bio-antropologa presso l’Università di Zurigo.

Questi ricercatori medici e antropologici hanno analizzato il dipinto e determinato che il paziente soffriva di quello che Seeker.com definisce “una malattia particolare.”

I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati nel Journal of Vascular Surgery , scrivendo:

“Morfologicamente, l’arto amputato sembrava essere edematoso, morbido e putrido, con alcune lesioni cutanee coerenti con drenaggi della ferita. Sulla base di queste caratteristiche, ipotizziamo che l’uomo aveva soffriva di una cancrena infetta della gamba destra.”

La storia racconta che i due santi erano fratelli gemelli che divennero medici e che non si facevano pagare per i loro trattamenti. Sono nati in Arabia e praticavano  la medicina in Siria, di cui una parte era stata una provincia romana.

La leggenda dice che hanno tagliato la gamba malata del loro paziente e trapiantata su di lui la gamba sana di un uomo etiope morto. Poi hanno messo la gamba amputata all’interno della bara del etiope.

Il trattamento usuale per una cancrena in quel periodo e per molti secoli dopo era di amputare l’arto malato. I ricercatori ipotizzano che  i medici hanno tentato il trapianto degli arti, ma hanno detto che sarebbe stato quasi impossibile quindi, gli arti sono stati quasi certamente respinti.

Nella Chiesa cattolica, Cosma e Damiano sono i santi patroni dei medici, chirurghi, dentisti e farmacisti. Si dice di essere stati amati della gente per essere stato medici di straordinario successo.

Saints-Cosmas-and-Damian

Come i tanti primi santi, i fratelli divennero martiri sotto la persecuzione romana dei cristiani.Pagani  li hanno consegnato al governatore romano, che ha ordinato di torturarli, ma si sono rifiutati di rinunciare a Gesù Cristo o alla Chiesa e così sono stati uccisi.

I romani hanno legato le braccia e le gambe e li hanno gettati in mare, ma Cosma e Damiano sono riusciti a liberarsi e nuotare fino a riva.

” Essi poi sono stati arrestati per ordine di Lisia, governatore della Cilicia, e dopo vari tormenti sono stati decapitati per la fede. I loro corpi sono stati portati in Siria, e sepolti a Cyrus “, dice il libro di Butler Vite dei Santi.

Fonte, Fonte