groenlandia

Nuove mappe rivelano un’antica rete fluviale nascosta sotto la calotta di ghiaccio della Groenlandia


I geofisici britannici hanno scoperto le prove di un’antica rete di drenaggio sepolta sotto lo strato di ghiaccio della Groenlandia.

Essa  può aiutare a spiegare la posizione, le dimensioni e la velocità del Jakobshavn Isbræ, il più grande ghiacciaio di uscita della Groenlandia.

La vasta rete si estende per quasi 1/5 della sua superficie totale e la dimensione del bacino di drenaggio è molto grande, circa 450.000 km2 e rappresenta  il 20 % della superficie totale della Groenlandia (isole comprese).

Essa è per dimensioni paragonabile al bacino del fiume Ohio e precede la formazione dello strato di ghiaccio di circa 3,5 milioni di anni fa. I canali mappati potrebbero più opportunamente essere chiamati “canyon”, con profondità relative di circa 1.400 metri in alcuni punti e quasi 12 km di larghezza, tutti nascosti sotto il ghiaccio.

groenlandia1

Michael Cooper e i colleghi dell’University of Bristol and Imperial College London hanno  utilizzando i dati raccolti principalmente dalla Nasa attraverso l’operazione Ice Bridge così come quelli dei vari ricercatori dal Regno Unito e la Germania.

Hanno così creato una mappa che mostra la velocità media di ghiaccio della Groenlandia negli ultimi 9000 anni (a sinistra), così come la sua velocità corrente (centro) e la differenza tra loro (a destra). In blu, i valori negativi che indicano velocità inferiori oggi rispetto alla media.

Per creare la mappa il team  ha utilizzato un database dettagliato dei molti strati all’interno della calotta glaciale della Groenlandia per determinare il modello di flusso nel corso degli ultimi 9000 anni. Lo hanno poi confrontato con le moderne vedute per scoprire che l’interno della calotta di ghiaccio si muove molto più lentamente ora che durante la maggior parte dell’Olocene, il periodo geologico che ha avuto inizio circa 11,7 mila anni fa. I risultati di entrambi gli strumenti rivelano una rete dendritica di valli che si irradiano verso l’interno dal ghiacciaio Jakobshavn.

Gli autori hanno identificato tre ragioni per tale rallentamento: livelli precedentemente elevati di neve, lento indurimento dello strato di ghiaccio nel corso del tempo e il crollo del “ponte di ghiaccio”, che viene utilizzato per collegare il ghiaccio della Groenlandia alla vicina isola di Ellesmere. Questi cambiamenti, che hanno iniziato migliaia di anni fa, influenzano la comprensione del cambiamento della Groenlandia Ice Sheet.

groenlandia2

I ricercatori spesso utilizzano GPS e altimetri a bordo dei satelliti per misurare l’altezza della superficie di ghiaccio e studiare quanta massa viene persa o guadagnata attraverso il foglio di ghiaccio. Qualsiasi ispessimento residuo si presume essere dovuto a causa della crescente nevicata ma questo studio dimostra che non può essere il caso. Il Dr Colgan ha spiegato che i recenti aumenti delle precipitazioni nevose non necessariamente spiegano oggi l’ispessimento interno.

Se si sta utilizzando un altimetro satellitare per capire quanta massa la Groenlandia sta perdendo, si sta andando ad ottenere la risposta leggermente sbagliata a meno che non si tiene conto di questi segnali molto a lungo termine che sono evidenti al suo interno“.

Fonte