d44e3ba90e7e680ce37474228c152c22

I primi passi sulla terraferma, con l’aiuto della coda


I primi passi sulla terraferma sono probabilmente stati possibili grazie all’aiuto della coda, soltanto così sarebbero riusciti a spostarsi i vertebrati che circa 360 milioni di anni fa hanno lasciato l’acqua per inoltrarsi in un ambiente completamente nuovo. Questo passaggio fondamentale dell’evoluzione è stato ricostruito con l’aiuto di robot, di strani pesci anfibi chiamati ‘saltafango’ e di un modello matematico. Pubblicata sulla rivista Science, la scoperta si deve al gruppo coordinato da Benjamin McInroe, del Georgia Institute of Technology (Georgia Tech).

e2bd1c1563042ac62cad9ec8fa812a74

Il risultato potrebbe aiutare anche a progettare robot capaci di muoversi su terreni difficili, come sabbia e fango, senza bloccarsi, e di spostarsi in modo più sicuro sui terreni in pendenza. Per questo alla ricerca hanno lavorato biologi ed esperti di robotica, con il duplice obiettivo di trovare nuove soluzioni per i robot anfibi ed esaminare uno dei più importanti eventi evolutivi della storia della vita animale: il passaggio dall’acqua alla terraferma.

I primi vertebrati che hanno cominciato ad affacciarsi sulla terraferma hanno dovuto adattarsi a un ambiente completamente diverso, imparando a spostarsi sul fango, sabbia e pendii. Per capire come hanno fatto i ricercatori hanno studiato il movimento del pesce saltafango, che spesso ‘passeggia’ sul terreno usando le pinne e salta facendo leva sulla coda.

Schermata 2016-07-09 alle 11.02.33

Per studiare, poi, come pinne e coda si muovono per spingere in avanti il pesce, i ricercatori hanno realizzato un robot che imita l’animale: si chiama MuddyBot, ha due zampe e una coda. Nei test su terreno pianeggiante sia il robot sia il pesce hanno usato raramente la coda. Sulle pendenze lievi, di soli 10 gradi, si sono aiutati con la coda in circa un terzo dei casi. Ma sulle pendenze di oltre 20 gradi sia i pesci sia il robot hanno dovuto contare sulle loro code. Gli stessi movimenti sono stati simulati al computer e questo ha permesso di analizzare in dettaglio come il pesce coordina pinne e coda per spostarsi.

Fonte