ALMA esplora il campo ultra-profondo di Hubble


Alcuni gruppi internazionali di astronomi hanno sfruttato ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) per esplorare gli angoli più remoti dell’Universo scoperti per la prima volta nell’immagine ormai famosa del campo ultra-profondo di Hubble (HUDF, da Hubble Ultra Deep Field in inglese). Le nuove osservazioni con ALMA sono molto più profonde e più nitide delle survey precedenti a lunghezze d’onda millimetriche e mostrano chiaramente come il tasso di formazione stellare nelle galassie giovani sia strettamente legato alla loro massa totale sotto forma di stelle. È stato anche possibile tracciare l’abbondanza del gas che serve per la formazione stellare, prima sconosciuta, in diversi intervalli temporali, fornendo nuove informazioni sull'”Età dell’oro” della formazione delle galassie, circa 10 miliardi di anni fa.

Sorgente: ALMA esplora il campo ultra-profondo di Hubble | ESO Italia