I pianeti con 2 soli sopravvivono alle loro stelle


Fuggono su altre orbite, la Terra non potrà farlo.


Contrariamente a quello che accadrà alla Terra, i pianeti con 2 soli come Tatooine di Guerre Stellari, potrebbero mettersi in salvo su un'orbita più lontana quando una delle loro stelle invecchierà, trasformandosi in una gigante rossa.

In via di pubblicazione sull'Astrophysical Journal, la scoperta si deve alla simulazione condotta nel Goddard Space Flight Centre della Nasa, dal gruppo di Veselin Kostov.

Il destino dei pianeti con due soli è molto diverso da quello che attende i pianeti del Sistema Solare, ha detto Kostov. Quando il Sole, nella fasi finali della sua evoluzione, avrà esaurito l'idrogeno del nucleo, scaglierà nello spazio i suoi strati esterni e si 'gonfierà' trasformandosi in una gigante rossa. Il gas espulso, espandendosi progressivamente, potrebbe raggiungere e ingoiare i pianeti interni, come Mercurio e Venere e la Terra. Ma, ha aggiunto, ''se avessimo una seconda stella nel Sistema Solare, le cose potrebbero andare in modo diverso''.

Le coppie di stelle sono abbastanza diffuse nell'universo e spesso ospitano anche pianeti. Quando una delle due inizia a trasformarsi in una gigante rossa, e quindi a espandersi, la sua compagna cattura la materia liberata finchè le due stelle finiscono per avere una comune atmosfera. I ricercatori hanno scoperto che in questa fase le dinamiche in gioco tra i due astri sono tali che gli eventuali pianeti ospiti vengono sbalzati lontano, su orbite che si trovano a una distanza doppia rispetto a quella che separa Plutone dal Sole.

Date le recenti scoperte di pianeti che circondano le stelle binarie, alcuni dei quali orbitano alla stessa distanza di Mercurio dal Sole, eravamo curiosi di esplorare il destino di questi mondi Tatooine, ha osservato uno degli autori, Ray Jayawardhana, della York University di Toronto. ''Abbiamo scoperto – ha concluso – che molti di questi essi probabilmente sopravvivranno alle fasi finali delle loro stelle, spostandosi più lontano''.

Fonte