ringpeaks_cassini_960

Le ombre di “eliche” sugli anelli di Saturno


Cosa ha generato queste ombre eccezionalmente lunghe sugli anelli di Saturno?

Le ombre scure – visibili vicino al centro dell’immagine – si estendono in direzione opposta al Sole e, data la loro lunghezza, derivano da oggetti aventi altezze fino a un paio di chilometri.

Queste lunghe ombre erano inattese dato che il consueto spessore degli anelli A e B di Saturno è solo di circa 10 metri.

Dopo aver considerato le forme increspate ma allungate evidenti vicino al bordo dell’anello B, però, è emersa una teoria dominante: che vi fossero alcune lune dalle dimensioni del chilometro con sufficiente forza di gravità da creare deformazioni verticali ancora più grandi delle piccole vicine particelle dell’anello.

Le risultanti onde dell’anello sono denominate eliche, prendendo il nome dalla loro apparenza individuale. Sono questi gruppi coerenti di particelle più piccole degli anelli che si ipotizza stiano gettando queste lunghe ombre.

Questa immagine è stata ripresa dalla sonda robotica Cassini attualmente in orbita intorno a Saturno. L’immagine è stata catturata nel 2009, nei pressi dell’equinozio di Saturno, quando la luce solare incideva direttamente sopra il piano degli anelli e causando il getto di ombre più lunghe.

Fonte