Quando far usare gli smartphone ai bambini? Le linee guida dei pediatri americani 


Qualche consiglio, per fascia d’età, su come e quando permettere ai più piccoli l’uso di smarpthone e tablet.

 

L’atteggiamento “schermo, vade retro”, ha accompagnato la pedagogia per lungo tempo. Tenere i bambini lontani dai dispositivi, concedendo loro un massimo di due ore al giorno, è stato per anni l’imperativo di medici ed educatori, senza spesso tener conto della distinzione tra tipologia di mezzo e contenuti trattati, e tra differenti età dello spettatore. E, soprattutto, dei momenti di condivisione con gli adulti.

L’aria è cambiata. L’American Academy of Pediatrics (AAP) dopo anni di approccio non proprio amichevole nei confronti del rapporto bambini-tecnologia, sembra aver optato per una strategia più riflessiva, che integra l’attualità con il buon senso. L’organizzazione statunitense ha pubblicato uno strumento interattivo chiamato “Family Media Plan” una guida che aiuti i genitori a comprendere quali tipi di media sono più adeguati alla fascia d’età dei loro figli, per quanto tempo nell’arco della giornata.

Se i supporti vengono utilizzati in modo appropriato e ragionato, i media possono migliorare la vita quotidiana. Altrimenti, possono rimpiazzare molte attività importanti, come l’interazione faccia a faccia, il tempo trascorso in famiglia, il gioco all’aperto, esercizio fisico, i tempi di inattività e il sonno“, si legge nell’introduzione.

Il bilanciamento, infatti, resta un’accortezza fondamentale, specie per i ragazzi in età scolare, dice l’Aap: è necessario che il tempo davanti allo schermo non interferisca con altre attività importanti (come quelle su menzionate).

Per i bambini sotto i 18 mesi l’uso di schermi è da evitare del tutto, con eccezione di strumenti come Skype o FaceTime, per le chiamate con i nonni e parenti lontani.

I bambini tra i 18 ai 24 mesi possono essere introdotti ai media digitali, con “una programmazione di qualità” che i genitori dovrebbero guardare insieme ai figli, per aiutarli a capire quello che stanno vedendo. La “programmazione di qualità” non è meglio definita, ma su questo l’Italia gioca facile, con molte app d’eccellenza dedicate all’infanzia.

Programmazione di qualità anche per i piccoli dai 2 ai 5 anni, un’ora al giorno disponibile per attività che prevedano uno schermo. Anche in questo caso, l’Aap chiede ai genitori di essere spettatori insieme ai figli.

Compiuti i sei anni, i bambini dovrebbero ricevere comandi su “limiti coerenti”  in merito al tempo trascorso sui media, con particolare riferimento ai contenuti d’intrattenimento.

Gli adulti, consigliano i pediatri, dovrebbero mantenere delle zone  “multimedia free” e degli spazi, nell’arco della giornata, liberi anch’essi dall’uso di dispositivi vari (vedi la cena, o i viaggi in auto). Per attuare queste misure educative bisogna anche che i genitori facciano i conti con la realtà descritta dai dati più recenti: ragazzi e bambini passano circa quattro giorni al mese con lo smartphone in mano.

 

Fonte

Advertisements