pia21136

Scoperto un grande substrato di ghiaccio d’acqua in Utopia Planitia


Non tutta l’acqua di Marte è andata persa nello spazio! In Utopia Planitia, un deposito sotterraneo di ghiaccio contiene tanta acqua quanta quella presente nel lago Superiore della Terra, il secondo al mondo per superficie dopo il mar Caspio. Lo strato si trova alle medie latitudini settentrionali del Pianeta Rosso, coperto al massimo da 10 metri di terreno.


Questo deposito è probabilmente il più accessibile rispetto alla maggior parte del ghiaccio d’acqua su Marte perché è ad una latitudine relativamente bassa ed in una pianura, una zona liscia dove un veicolo spaziale può atterrare facilmente“, ha detto Jack Holt della Università del Texas (Austin) in un comunicato.

Utopia Planitia è una regione molto nota e di grande interesse.

E’ un grande ed antico bacino di 3.300 chilometri di diametro che fa parte delle pianure del nord di Marte.

Le immagini dall’orbita hanno sempre mostrato strane caratteristiche come fessurazioni poligonali e pozzi, tutti dettagli che sulla Terra vengono associati alla presenza di ghiaccio sotto la superficie o al permafrost. Così gli scienziati hanno iniziato a sospettare che anche su Marte si nascondesse un deposito ghiacciato. D’altra parte, la zona non è nuova per essere al centro di tali dibattiti, ricordata per l’atterraggio del lander della missione Viking 2 nel 1976, che riprese la famosa e discussa immagine di una brinata marziana.

Nel nuovo documento pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters, gli scienziati hanno esaminato la regione con il Shallow Radar (SHARAD), il georadar italiano a bordo della sonda Mars Reconnaissance Orbiter (MRO).

pia21138

Utopia Planitia – deposito sotterraneo di ghiaccio d’acqua.


L’analisi dei dati registrati durante gli oltre 600 passaggi ha rivelato la presenza di uno strato ghiacciato, composto per un 50-85 per cento di ghiaccio d’acqua mescolato a polveri ed a particelle più grandi di roccia, di circa 375.000 chilometri quadrati, spesso tra gli 80 ed i 170 metri. Eppure, per quanto enorme possa sembrare, rappresenta meno dell’1 per cento di tutti i depositi di ghiaccio d’acqua noti su Marte!

Lo SHARAD lavora nella gamma dei 15-25 MHz e la risoluzione verticale dipende dai materiali che attraversa ma può teoricamente arrivare fino ad 1 chilometro di profondità. Praticamente, invia onde radio verso la superficie di Marte: alcune rimbalzano, altre penetrano nel sottosuolo. Di queste in parte ritornano all’orbiter. Il loro comportamento viene utilizzato per caratterizzare i materiali.

pia21137_hires

Questi due profili mostrano Utopia Planitia vista dalradar SHARAD.


20161122_sharad_explanation

Funzionamento del radar SHARA. La costante dielettrica del ghiaccio d’acqua è 3,15 mentre il valore medio in Utopia Planitia è di 2,8, lasciando ipotizzare la presenza di un mix di ghiaccio d’acqua e polveri.


Questo strumento può essere usato per definire la stratigrafia del sottosuolo o per trovare quella che viene chiamata “costante dielettrica” (o permittività elettrica) che quantifica la tendenza del materiale a contrastare l’intensità del campo elettrico presente al suo interno. Questo è ciò che è stato studiato per Utopia Planitia.

Questo deposito, probabilmente, si è accumulato mescolandosi con la polvere quando l’asse del pianeta era più inclinato rispetto ad oggi“, ha spiegato Cassie Stuurman, dell’Istituto di Geofisica dell’università del Texas, autrice principale della ricerca che ha anche pubblicato un dettagliato resoconto sul suo blog.

L’asse di Marte oggi ha un’inclinazione di 25 gradi, tale che gli accumuli ghiacciati maggiori si concentrano ai poli ma nell’arco di circa 120.000 anni l’inclinazione è variata più del doppio, favorendo un riscaldamento dei poli e la formazione del ghiaccio alle medie latitudini, dove è in parte rimasto sepolto.

Anche se la scoperta può essere considerata un’importante risorsa per le future missioni umane, il georadar, purtroppo, non ha mostrato nessuno strato allo stato liquido, condizione che sarebbe stata l’ideale per cercare la vita microbica oggi sul pianeta.

Fonte

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...