Alma studia le polveri di pianeti


Un team di astronomi è riuscito per la prima volta a misurare le dimensioni delle polveri di un disco protoplanetario. I semi dei futuri pianeti sono dieci volte più piccoli di quanto ipotizzato finora.


Tagliate per diventare pianeti. Misurate per la prima volta con precisione le dimensioni delle minuscole particelle di polveri di un disco protoplanetario intorno a una giovane stella. Polveri che rappresentano i semi di futuri pianeti.

La misura è stata effettuata grazie all’Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA) da un team di astronomi dell’Heidelberg University e del National Astronomical Observatory of Japan (NAOJ). I risultati sono stati pubblicati su The Astrophysical Journal Letters.

161205_kataoka_fig2_almaobs

Secondo gli autori, lo studio rappresenta un importante contributo per l’individuazione di nuovi pianeti in formazione intorno a giovani stelle. Uno degli aspetti ancora incompresi nella formazione di un nuovo pianeta è, infatti, come particelle di polveri di dimensioni dell’ordine del micron (millesimo di millimetro) possano aggregarsi fino a formare pianeti rocciosi del diametro di una decina di migliaia di chilometri.

Gli astronomi sono adesso riusciti a ottenere una stima delle dimensioni dei grani di queste polveri, studiando come le onde radio diffondono attraverso le minuscole particelle del disco di accrescimento intorno a una stella bambina. Per ottenere questo risultato, hanno dapprima creato dei modelli teorici, confrontandoli in seguito con le osservazioni di ALMA, condotte sulla nube protoplanetaria della giovane stella “HD 142527.

schermata-2016-12-07-alle-15-14-03

Il confronto tra le previsioni teoriche e i dati sperimentali ha, così, permesso agli astronomi di scoprire che la dimensione delle particelle di polveri è al massimo di 150 micron, più di dieci volte inferiore a quanto stimato finora.

Il sistema planetario nascente scelto dal team di astronomi per le loro osservazioni si trova a circa 500 anni luce di distanza dal Sistema solare, in direzione della costellazione del Lupo. La giovane stella ha circa 5 milioni di anni, e la sua massa è il doppio di quella del Sole.

Fonte

Advertisements