I fiori sono ‘maghi’ della fisica


Manipolano forze e luce per l’impollinazione.


I fiori anche maghi della fisica: manipolano la luce e le forze elettrostatiche e usano trucchi meccanici pur di rendere possibile l’impollinazione. Lo spiega lo studio pubblicato su New Phytologist da due botaniche, Edwige Moyroud e Beverley Glover, dell’università britannica di Cambridge.

Per molte persone, spiega Glover, può essere sorprendente che le piante utilizzino le leggi della fisica a loro vantaggio per attrarre gli impollinatori, ma invece ha senso che l’evoluzione abbia usato tutte le opportunità disponibili per migliorare la riproduzione delle piante.

Lo studio passa in rassegna le recenti scoperte su come le piante usino i loro fiori per garantire il successo riproduttivo e su come questi usino le leggi della fisica a loro vantaggio.

Per esempio i fiori usano la luce per attirare gli impollinatori modificando il loro colore. Grazie a microscopiche strutture presenti sulla superficie dei petali, i fiori generano effetti ottici, come sfumature cangianti che attirano gli insetti impollinatori. Usano anche la gravità a proprio vantaggio per far atterrare in modo saldo gli insetti sui petali e permettere loro di catturare il polline. Un altro trucco riguarda i campi elettrici: le cariche elettrostatiche presenti sul corpo degli insetti generano un campo elettrico tra il fiore e l’insetto che si avvicina. Questo campo elettrico faciliterebbe il trasferimento di polline dal fiore all’insetto e viceversa.

Gli organismi viventi, hanno concluso le due ricercatrici, ”funzionano in un mondo dominato dalle forze fisiche, quindi non è sorprendente che alcuni abbiano sviluppato modi per sfruttare la fisica allo scopo di attirare gli impollinatori e garantire il loro successo riproduttivo”

Fonte

Annunci