Città greca di 2500 anni fa rimasta sconosciuta fino ad oggi


Veduta aerea del sito. Sono riconoscibili le tracce dell’antica cinta muraria.


Un team internazionale di ricercatori del Dipartimento di Studi Storici presso l’Università di Goteborg (Svezia) è al lavoro per il recupero i resti di un’antica città della Tessaglia, nella Grecia centrale.

I risultati possono cambiare la valutazione dell’area, che tradizionalmente è stata considerata una zona del mondo greco antico scarsamente interessante, dal punto di vista storico.

La città, finora sconosciuta, sorgeva in un sito, occupato in seguito dall’antico villaggio di Vlochos, circa 300 chilometri a nord di Atene.

I resti archeologici sono sparsi sulla collina di Strongilovoùni, che si erge sul territorio piano circostante ed è possibile che appartengano a diversi periodi storici.

“I resti, ritenuti finora soltanto tracce di antichi insediamenti poco rilevanti, possono essere ora riconosciuti come vestigia di un’antica città, di una importanza maggiore di quanto si potesse mai pensare. Per arrivare a questa conclusione, è stata sufficiente una sola stagione di scavi”, afferma con sicurezza Robin Ronnlund, professore di Archeologia Classica e Storia antica presso l’Università di Goteborg, che ha diretto la ricerca sul campo.

“Mi sono imbattuto quasi per caso in questo sito l’anno scorso, nel corso di un altro progetto, e assieme ad un collega, ci siamo resi subito conto del potenziale racchiuso in questa scoperta. E’ veramente strano che nessuno se ne sia accorto prima”, si meraviglia lo studioso.

In collaborazione con l’Istituto Svedese di Atene e il servizio archeologico locale, è stato quindi avviato il ‘Progetto Archeologico Vlochos’ (VLAP), con lo scopo di esaminare i resti e dare loro una interpretazione e una collocazione storica più corretta possibile.

Il team di ricerca ha completato una prima fase di indagini nello scorso settembre.

Ronnlund, dal canto suo, è convinto che la collina nasconda ancora molti segreti. Resti di torri, mura e porte della città si trovano, difatti, sulla sommità e sui versanti della collina, ma quasi nulla è visibile nella copertura del suolo sottostante.

L’ambizione del progetto sarebbe quella di evitare di ricorrere a scavi, optando invece per metodi quali, ad esempio, il georadar che permetterebbe ai ricercatori di scrutare nel terreno lasciando la morfologia del sito intatta, nella stessa forma in cui è adesso.

Il successo di questo approccio è già evidente dai risultati conseguiti nella prima stagione sul campo.

“Abbiamo rinvenuto una piazza della città e un intreccio di strade che mostrano una città piuttosto grande. L’area all’interno delle mura della città misura oltre 40 ettari, ampia poco più dell’Acropoli dell’antica Atene”, racconta l’archeologo.

“Abbiamo trovato ceramiche e monete che sono da considerarsi validi indicatori dell’età della città. I reperti più antichi risalgono al 500 a.C., ma la città sembra aver prosperato soprattutto dal quarto al terzo secolo a.C., prima di essere abbandonata, non si sa per quale motivo, anche se una prima ipotesi potrebbe essere orientata verso la conquista romana del territorio”.

Ronnlund confida che il progetto greco-svedese possa fornire utili indizi per far luce su questo mistero e su questo periodo, che è stato riconosciuto come alquanto turbolento nella storia greca.

“Non si conosce molto sulle antiche città greche di questa regione e molti archeologi hanno finora ritenuto che la Tessaglia occidentale fosse un luogo abbastanza lontano dagli eventi più salienti della storia greca. Il nostro progetto è volto quindi a colmare una lacuna importante nella conoscenza della regione, dimostrando, qualora ce ne fosse il bisogno, che resta invece ancora molto da riportare alla luce dal sottosuolo greco”.

Fonte

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...