Continuano ad arrivare misteriosi lampi radio dallo Spazio



Nuove analisi hanno registrato altri sei fast radio burst nell’area dove lo scorso marzo è stato scoperto per la prima volta una fonte che ne produce ripetutamente nel tempo.


Se dallo Spazio stanno tentando di comunicare con noi, iniziano a farsi decisamente insistenti. Continua infatti ad accumularsi i fast radio burst (o lampi radio) provenienti da Frb 121102, l’unica fonte nota dove questi potenti segnali radio spaziali siano stati prodotti ripetutamente. L’ultima testimonianza è quella pubblicata da un team di ricerca internazionale sulle pagine dell’Astrophysical Journal, che porta in totale a 17 i lampi radio emessi da Frb 121102, e lascia aperto un piccolo spiraglio alla possibilità che si tratti di segnali provenienti da una civiltà aliena, o di un tentativo diretto di comunicare con la nostra specie. Le spiegazioni più realistiche, è bene ricordarlo, sono però ben altre.

Il problema è che attualmente non esiste un’ipotesi definitiva sull’origine dei fast radio burst. E molte di quelle proposte, come la fusione di due buchi neri o di due stelle a neutroni, non sono compatibili con un fenomeno ripetuto nel tempo, come quello osservato su Frb 121102. In effetti, secondo i calcoli più recenti si tratterebbe di lampi radio che generano in un istante una quantità di energia paragonabile a quella emessa dal nostro Sole in un’intera giornata.

E ovviamente, fenomeni del genere che si ripetano nel tempo esattamente nella stessa regione di Spazio non sono molto comuni. Stando ai risultati del nuovo studio comunque, a differenza di tutte le fonti di radio burst registrate in precedenza Frb 121102 dovrebbe essere situata ben al di fuori della nostra Galassia.

Un particolare che aiuterebbe a spiegare la diversa natura di questo fenomeno ripetuto. Le spiegazioni possibili? La prima, più probabile, è che si tratti di qualche corpo celeste esotico, come una giovane stella a neutroni in rotazione (una pulsar). La seconda, ovviamente più fantasiosa, è che siano segnali prodotti da una civiltà aliena estremamente progredita.

Per quanto suggestivo, si tratterebbe comunque di un ben misero sistema di comunicazione visto che i miliardi di anni luce che ci separano renderebbero impossibile uno scambio proficuo di informazioni. Niente paura però, perché le ricerche di una specie aliena con cui fare quattro chiacchiere continuano spedite. Anzi, negli ultimi tempi c’è chi nella comunità scientifica ha deciso di puntare su un cambio radicale di approccio: non più passivi programmi Seti (Search for Extraterrestrial Life), ma ben più aggressivi Meti, acronimo inglese che sta per Messaging Extra Terrestrial Intelligence.

È questo infatti il nome scelto da un’organizzazione con base a San Francisco, che ha l’obbiettivo di inviare messaggi di saluto verso i più vicini esopianeti abitabili, nella speranza di ricevere (prima o poi) una risposta. Ci sono comunque diversi problemi da risolvere. Per esempio bisognerà raccogliere i soldi necessari (circa un milione di dollari all’anno) per installare, affittare o comunque operare una trasmittente sufficientemente potente per inviare il messaggio a destinazione. E sarà poi necessario riflettere sul messaggio da inviare, perché non è facile immaginare un saluto che risulti intellegibile da una specie completamente diversa dalla nostra.

Se anche tutto andasse come sperato, e ricevessimo un giorno una risposta, c’è inoltre chi teme che potrebbe non essere quella sperata. “E se gli alieni fossero ostili? – si chiede per esempio qualche astrofisico – non sarebbe meglio evitare di fargli sapere dove ci troviamo?”. Preoccupazioni non condivise dai membri del Meti, che puntano a raccogliere i fondi necessari e iniziare le operazioni entro la fine del 2018. Non resterà poi che attendere qualche anno, il necessario perché il messaggio raggiunga la destinazione scelta e perché una comunicazione faccia il percorso inverso, per sapere se il tentativo sarà andato a buon fine.

Fonte

Advertisements