Vorticose spirali al polo nord marziano



Il mosaico è stato generato da 32 singole “strisciate” di immagini orbitali catturate tra il 2004 e il 2010, e si estende su una superficie di circa un milione di chilometri quadrati.

La calotta di ghiaccio di Marte è una caratteristica permanente, ma nella stagione invernale – come è adesso nei primi mesi del 2017 – le temperature sono abbastanza rigide da far congelare circa il 30 per cento del biossido di carbonio presente nell’atmosfera del pianeta rosso che precipita “nevicando” aggiungendo uno strato stagionale di ghiaccio di CO2 spesso fino ad un metro al di sopra della coltre di ghiaccio d’acqua.


Durante i mesi estivi più caldi la maggior parte del ghiaccio di anidride carbonica si trasforma direttamente in gas e si disperde nell’atmosfera, lasciando solo gli strati di ghiaccio d’acqua.

Forti venti si pensa abbiano svolto un ruolo importante nel plasmare la calotta polare nel corso del tempo, soffiando dal centro della calotta più elevato in altezza verso i bordi inferiori e contorcendosi per effetto della stessa forza di Coriolis che provoca gli uragani a spirale sulla Terra.

Una caratteristica particolarmente importante della calotta polare nord di Marte è il profondo crepaccio(2 km di profondità)per 500 km di lunghezza che quasi taglia la calotta in due.


Il profondo canyon, noto come Chasma Boreale, si pensa essere una caratteristica relativamente antica ma successiva alla formazione delle caratteristiche spirali di polvere ghiacciata, e sembrerebbe che la crescita di nuovi depositi di ghiaccio abbia seguito i suoi contorni.

Le indagini del sottosuolo effettuate dagli strumenti radar a bordo di Mars Express e Mars Reconnaissance Orbiter della NASA hanno rivelato che la calotta di ghiaccio è costituita da molti singoli strati di ghiaccio e polvere che si estendono fino ad una profondità di circa 2 km.

Questo rappresenta una preziosa testimonianza di come il clima del pianeta è cambiato nel tempo, come l’inclinazione e l’orbita sono variate nel corso di centinaia di migliaia di anni.

Fonte

Advertisements