La vita sulla Terra nacque 4 miliardi di anni fa dal niente


I ricercatori inglesi lo hanno dimostrato ricreando in laboratorio un network di reazioni chimiche che imitano il famoso ciclo di Krebs. Un ciclo di importanza fondamentale in tutte le cellule che utilizzano ossigeno nel processo della respirazione cellulare.


 

165450148-26766cf4-1e91-4842-8395-409357475132.jpg

La vita sulla Terra potrebbe essere cominciata 4 miliardi di anni fa emergendo, per così dire, dal nulla. A fare lo straordinario annuncio è un gruppo di scienziati del Francis Crick Institute di Londra e dell’Università di Cambridge. Gli studiosi sono riusciti a dimostrare che una serie di processi biochimici cruciali per lo sviluppo della vita cellulare avrebbero potuto svilupparsi in reazioni chimiche che hanno avuto luogo quando il nostro pianeta era un inclemente globo vulcanico privo di ossigeno, ma che possedeva vasti oceani, ricchi di ioni metallici.

I ricercatori hanno ricreato in laboratorio un network di reazioni chimiche che imitano il famoso ciclo di Krebs, un ciclo metabolico di importanza fondamentale in tutte le cellule che utilizzano ossigeno nel processo della respirazione cellulare. E’ un concetto con cui qualunque studente di biologia ha familiarità. Ma come è sorta per la prima volta questa rete di reazioni? Perché si sviluppi la vita, occorre un’intera sequenza di reazioni: ma come ciò sarebbe stato possibile prima dell’esistenza degli enzimi biologici, tenuto conto che gli aminoacidi, componenti molecolari degli enzimi, derivano da prodotti del ciclo di Krebs?

Il ragionamento può suonare complicato a chi non è esperto della materia. Banalizzando, tuttavia, la domanda è semplice, del tipo è nato prima l’uovo o la gallina? Ebbene, gli scienziati del Crick, il centro di ricerca biomedica più grande d’Europa, inaugurato lo scorso anno a Londra, hanno trovato una possibile risposta. Il loro esperimento, descritto sulla rivista scientifica “Nature Ecology and Evolution”, indica una strada metabolica priva di enzimi che riecheggia quella del ciclo Krebs. A mettere in moto il procedimento sono delle particelle chiamate “solfati radicali”, in condizioni simili a quelle che esistevano sulla terra 4 miliardi di anni fa.

“Abbiamo dimostrato che questo precursore non enzimatico del ciclo Krebs si forma spontaneamente, è biologicamente sensibile ed è efficiente”, dice il professor Markus Ralser dell’università di Cambridge, uno degli autori della ricerca. “Esso può dunque avere contribuito a sviluppare la vita sulla Terra”. Gli studiosi hanno compiuto 4850 esperimenti per arrivare alla combinazione giusta di reazioni chimiche. Fino a quando, tombola o eureka che dir si voglia, sono arrivati alla meta mescolando elementi di carbonio, simili a quelli trovati recentemente dalla Nasa in una meteorite, con acciaio e solfati chimici che si sarebbero potuti trovare nei sedimenti degli oceani di 4 miliardi di anni or sono.

La conclusione è che il metabolismo, cioè l’inizio del processo della vita, può essere nato da reazioni chimiche ambientali. Ovvero, per semplificare, dal niente. Come teoria, era stata formulata anche prima. Ma il Crick ne ha fornito una prima dimostrazione pratica: la prova che le cose, nella Terra di tanto, tanto tempo fa, nel pianeta dei nostri primordi, andarono proprio così. Come dire che la gallina, in fin dei conti, non è nata dall’uovo, bensì da qualcos’altro. Da una reazione chimica: la soluzione del dilemma potrebbe essere tutta qui.

 

Fonte

Annunci