Asparagi: un concentrato di eccezionali virtù benefiche


Originari dell’Asia, ormai diffusi in tutta Europa, gli asparagi sono un concentrato di eccezionali virtù benefiche. Scopriamo quali e come impiegarli in cucina.


Gli asparagi (Asparagus officinalis), appartenenti alla famiglia delle Liliaceae, sono un concentrato di sostanze nutritive, necessarie e benefiche per l’organismo. Originari dell’Asia, ormai diffusi in tutta Europa, sono caratterizzati da radici che producono germgli squamosi (turioni), dalle eccezionali virtù benefiche. Disintossicanti, dimagranti, drenanti, antiossidanti ed ipocalorici (contengono solo 25 calorie per 100 grammi), gli asparagi sono ricchi di fibre, che facilitano il processo digestivo, hanno un elevato indice di sazietà e contrastano la stitichezza.

Essi contrastano la ritenzione idrica e l’invecchiamento cutaneo, eliminano tossine e gonfiori, sono un toccasana per coloro che intendono perdere qualche chilo di troppo. Inoltre, proteggono la pelle da agenti atmosferici, inquinamento e raggi solari; miglorano la coagulazione del sangue in caso di ferite, regolano i livelli di zucchero nel sangue, contrastano il diabete di tipo 2, facilitano l’assorbimento di nutrienti, riducendo, oltretuttto, il rischio di tumore al colon.

Energetici, mineralizzanti, migliorano le funzioni renali, sono ottimi alleati di cuore e muscoli, rafforzano le ossa ed esercitano un’azione antidepressiva, allontanando tristezza e malumore. Come consumarli? Crudi nelle insalate, ripassati in padella, al forno o cotti al vapore. Una ricetta semplice consiste nel cuocerli in acqua bollente, adagiandoli sopra un uovo al tegamino, spolverizzando il tutto con parmigiano grattugiato e pepe macinato.

Fonte

Annunci