Sonda Cassini, che cosa sta per succedere


cassini-cover-638x425.jpg

Parte oggi, lo ricorda il doodle odierno, una nuova fase di esplorazione che accompagnerà la sonda verso il gran finale di settembre.


La sonda Cassini si tuffa tra Saturno e i suoi anelli

L’uscita di scena della sonda Cassini, in orbita dal 2004 attorno a Saturno, avverrà definitivamente solo a settembre ma oggi, lo ricorda anche il doodle di Google, cominciano importanti manovre in vista del gran finale della sua storica missione. La sonda infatti, a partire da oggi, effettuerà una serie di “immersioni” tra gli anelli del pianeta.

Dopo l’incontro ravvicinato dello scorso 22 aprile con il satellite naturale Titano, che ha prodotto una deviazione dell’orbita della sonda Cassini, questa ha infatti virato verso lo Spazio vuoto tra gli anelli e l’atmosfera del pianeta, sul quale andrà successivamente a cadere e polverizzarsi non prima di aver inviato un ultimo set di preziosissimi dati.

La sonda Cassini, insomma, farà il suo dovere fino alla fine, con una esplorazione del tutto inedita per ampiezza (si prevede che Cassini attraverserà lo spazio tra Saturno e gli anelli 22 volte) e importanza della zona sondata, e consentirà ancora una volta di capire meglio forma ed evoluzione di un pianeta come Saturno.

goggole.gif

Per il congedo ci vuole ancora tempo, ma le aspettative sono alte per questa ultima fase, di una missione che ha segnato moltissimi record e riscritto le conoscenze del sesto pianeta del Sistema solare, grazie a uno sforzo congiunto nel complesso ventennale che ha visto assieme Nasa, Agenzia spaziale europea (Esa) e Agenzia spaziale italiana (Asi). Dovrebbe essere l’inizio della fine per la sonda Cassini ma non a torto si può dire che si tratta di una nuova missione in sé per sé.

Fonte

Annunci