Riscritta la storia evolutiva del nostro cervello


cervello-638x425.jpg

Analizzando il cervello di un animale marino, l’anfiosso, gli scienziati hanno scoperto che il nostro cervello si sarebbe evoluto in maniera diversa da quanto creduto sino ad oggi, ovvero a partire da due distinte regioni cellulari e non da tre.


Un team di ricercatori del Centre for Genomic Regulation (CRG) e di vari atenei spagnoli ha scoperto che le tre regioni principali nel quale è suddiviso il nostro cervello e quello degli altri vertebrati, ovvero prosencefalo, mesencefalo e romboencefalo, non sarebbero evolute da altrettante regioni ‘primitive’ nei nostri nostri antenati ancestrali, ma soltanto da due. La scoperta apre scenari inediti sulla comprensione dell’evoluzione del cervello, che oltre a cambiare radicalmente quanto indicato nei libri di testo, potrebbe avere ripercussioni importantissime in campo medico, aiutando i neuroscienziati a capire meglio come si propagano le patologie cerebrali e perché coinvolgono determinate aree e altre no.

Per giungere a questa conclusione, i ricercatori, coordinati dal professor José Luis Ferran del Dipartimento di Anatomia Umana e Psicobiologia presso l’Università della Murcia (UMU), hanno realizzato la prima mappa completa della struttura cerebrale dell’anfiosso (Branchiostoma lanceolatum), un animale marino appartenente al gruppo dei cordati e considerato vicino ai vertebrati ancestrali dal punto di vista anatomico. In pratica, si tratta di un nostro lontanissimo parente in termini squisitamente evolutivi. La mappa molecolare, elaborata attraverso una tecnica chiamata “genoarchitecture” e basata sull’espressione di 48 geni, ha fatto emergere che nel sistema nervoso dei cosiddetti pre-vertebrati non c’erano tre regioni principali, ma probabilmente solo due, una anteriore e una posteriore.

evoluzione-cervello.jpg

Nell’anfiosso, infatti, non risulterebbe alcuna area cellulare esclusiva deputata alla formazione del mesencefalo dei vertebrati, ma ne risulta una unica strettamente correlata anche a quella del prosencefalo, una porzione che gli studiosi spagnoli hanno deciso di chiamare DiMes (Di-Mesencephalic primordium). “Il cervello non si è evoluto in modo isolato, ma piuttosto attraverso l’interazione di questi animali primitivi con l’ambiente”, ha sottolineato l’autore principale dello studio. I dettagli dell’affascinante ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Plos Biology.

 

Fonte

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...