Il mistero delle rocce che si muovono nel deserto è stato risolto dopo 70 anni


In un bacino desertico del Nord America ci sono delle rocce che si muovono da sole. I ricercatori hanno finalmente capito perché.


Avete mai visto una roccia muoversi? Voglio dire, muoversi da sola — non dopo il calcio di qualcuno — su una superficie piana? Fatta eccezione di alcune esperienze psichedeliche, immagino che non vi sia mai capitato. Ma rocce di questo tipo esistono, e hanno disorientato gli scienziati per decenni.

La Racetrack Playa è un bacino desertico piatto e selvaggio che si trova nel bel mezzo del Parco Nazionale della Death Valley. Circondato da alte colline rocciose, centinaia di anni fa era riempito di acqua. Si tratta di uno dei posti più caldi e secchi del Nord America, ed è la casa delle “pietre a vela”: rocce che si muovono da sole sulla sabbia. I ricercatori sono riusciti a capire definitivamente la causa del loro movimento soltanto nel 2014: una combinazione bizzarra di ghiaccio, vento e sole.

È raro vederle in movimento, ma ci sono dei chiari segni di spostamento. Dietro le pietre, infatti, si formano delle lunghe tracce. Gli scienziati hanno usato le unità GPS per tracciarne i movimenti e ne hanno ottenuto le prove. Sono state documentate pubblicamente per la prima volta agli inizi del Novecento, ma per decenni nessuno ha potuto spiegare come potessero muoversi, ha spiegato Richard Norris, un oceanografo dell’Università della California, tra i ricercatori che sono riusciti finalmente a svelare il mistero.

“Il primo studio scientifico è stato fatto nel 1948, a cui è seguita una serie di paper scientifici,” ha detto Norris. “Ogni 10 anni circa qualcuno ha pubblicato un paper su Racetrack, ma nessuno ha basato la propria carriera scientifica su questo tipo di lavoro, è solo un mistero con un lato divertente.”

Norris si è accorto delle pietre quando era ancora bambino. Suo zio, un geologo dell’università di San Diego, portava gli studenti in gita alla playa, e Norris e suo cugino lo accompagnavano. Da adulti, diventati entrambi scienziati, hanno deciso di risolvere il mistero progettando un esperimento.

Le ricerche precedenti avevano prodotto delle ipotesi. Alcuni pensavano che la causa fosse il vento forte, altri che fosse il ghiaccio che si formava attorno, a far scivolare le rocce. C’erano anche delle teorie meno scientifiche, come la levitazione acustica — la credenza che il suono possa far innalzare da terra gli oggetti pesanti.

Per la loro ricerca, Norris e suo cugino hanno attaccato delle unità GPS al retro di rocce che hanno portato nella Death Valley (i dirigenti del parco nazionale non hanno permesso loro di usare le rocce che si trovavano già lì). Hanno anche installato una stazione meteo e poi hanno semplicemente aspettato.

Ci sono voluti due anni, ma alla fine le rocce si sono spostate. Norris e suo cugino, con un colpo di fortuna, hanno trovato una testimonianza del movimento. I ricercatori hanno discusso le loro scoperte in un paper pubblicato su PLOS One. Hanno scoperto che quando piove abbastanza da allagare la playa, e la temperatura scende, l’acqua si congela in sottili strati di ghiaccio intorno alle rocce. Quando sorge il sole, se c’è un po’ di brezza, il ghiaccio inizia a sciogliersi e si muove insieme alla pietra.

“Il ghiaccio è come lo spessore del vetro di una finestra,” mi ha detto Norris. “E anche se è molto sottile, è un enorme strato di ghiaccio. Viene mosso dalle brezze, e riesce a spostare cose grosse — tipo la roccia.”

I risultati hanno shoccato Norris e molti altri scienziati, ma è un fenomeno che spiega il movimento di molte rocce in tutto il mondo. Anche se non si tratta del fenomeno paranormale in cui tutti speravano, la verità ha sempre il suo perché.

Fonte

Annunci