Opportunity si trova a Perseverance Valley, ma una ruota è in avaria


Il rover veterano aveva raggiunto da più di un mese la “Valle della Perseveranza”, e si stava apprestando ad entrare dentro il cratere Endeavour da questo canalone scavato forse da un antico corso d’acqua; tuttavia, l’esplorazione si è bloccata perchè una ruota sta dando qualche problema di mobilità.


Gli anni si fanno sentire per tutti e anche Opportunity, che gironzola da quasi 13 anni e mezzo nella pianura Meridiani, ha mostrato a più riprese i segni del tempo; l’ultimo problema è apparso una dozzina di giorni fa e sta seriamente preoccupando il team a Terra, perchè a quanto pare il meccanismo che fa sterzare la ruota anteriore sinistra non risponde più ai comandi. Ma andiamo per ordine…

Opportunity ha ormai percorso quasi 45 km e da quasi 6 anni sta esplorando il bordo orientale del grande cratere Endeavour. Ultimamente, dopo aver studiato “Spirit Mound“, il rover ha scalato un rilievo fino a raggiungere la sua nuova destinazione, un solco scavato da acqua milioni di anni fa e ribattezzato giustamente “Perseverance Valley“.

MER_route_4752f
Il cammino compiuto da Opportunity in 4752 Sol o giorni marziani (pari a 7 anni marziani o 13 anni e 3 mesi terrestri).

Opportunity aveva già identificato depositi argillosi presso Esperance (indicativi di una abitabilità passata) e ne aveva cercati altri in Marathon Valley. L’idea innovativa, pianificata per questa nuova località prima che sopraggiungesse il problema tecnico, era quella di penetrare per la prima volta all’interno del cratere Endeavour, procedendo in retromarcia e seguendo appunto il solco di Perseverance Valley, come illustrato qui sotto.

2_4700-18_Perspective2
Vista prospettica del bordo di Endeavour ripresa da Oppy circa 2 mesi fa. E’ evidenziato il percorso effettuato fino all’inizio di maggio, con il punto previsto di ingresso all’interno di Endeavour indicato come “Perseverance Valley spillway” (canale di scarico).

“Questa sarà la prima volta che indagheremo direttamente su un sistema di solchi che potrebbe essere stato creato da processi fluviali,” ha detto Ray Arvidson, Deputy Principal Investigator della missione. “Opportunity è arrivato all’imbocco di Perseverance in un punto basso lungo il bordo di Endeavour, un cratere di impatto di 22 km di diametro” dice Larry Crumpler, un membro del team scientifico. “Il prossimo mese o giù di lì sarà un momento emozionante […] si tenterà di determinare se questa valle è stata corrosa dall’acqua o qualche altro processo secco come colate detritiche” spiega Crumpler.

4712cs
Opportunity ha sfiorato un piccolo cratere di 27m in Aprile, mentre si festeggiava il 45mo anniversario della missione Apollo 16; per questo motivo, il team ha ribattezzato “Orion” il cratere, in onore al nome del modulo lunare.

La valle si estende verso est su un pendio lungo oltre 200 metri e con una pendenza da brivido (15-17 gradi); essa si trova appena a nord di un segmento di cratere chiamato “Cape Byron”.

Ma perché andare a esplorare questa gola? “Opportunity attraverserà l’imbocco della vallata e proseguirà in discesa in uno o più calanchi per caratterizzarne la morfologia e cercare prove di depositi” spiega Arvidson. “Una volta giunto alla fine della valle, Opportunity sarà diretto a Sud per esplorare il materiale ai piedi delle pareti del cratere,” afferma Crumpler.

Purtroppo questi piani di esplorazione sono per ora congelati perchè il team è alle prese con un nuovo problema tecnico. Il Sol 4750 (4 giugno 2017), durante una “passeggiata” di ricognizione dall’alto di Perseverance Valley che doveva precedere l’ingresso nel canalone, il rover ha rilevato uno stallo dell’attuatore elettrico collegato alla ruota anteriore sinistra; questo non riesce più a sterzare e risulta bloccato in una posizione ruotata di 33 gradi. Due giorni dopo, Opportunity è arretrato leggermente senza sterzare e le immagini hanno mostrato che il problema non era da attribuire ad una asperità del terreno. In seguito, si è provato a comandare di nuovo alla ruota di raddrizzarsi tentando con quattro diversi valori di tensione ma senza successo, mentre lo stesso test diagnostico effettuato sulla ruota posteriore sinistra non ha dato problemi. Mentre si continua ad indagare sul problema e si preparano nuovi test, Opportunity ne approfitta per riprendere nuovi panorami.

impronta_Oppy_4752
La strana impronta lasciata dalla ruota difettosa nel Sol 4752. In basso la ripresa NavCam, in alto l’ingrandimento con la Pancam.

 

Fonte

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...