Tsunami in Groenlandia come Scilla 1783, individuata la montagna franata


Esattamente come a Scilla nel 1783, con la differenza che il disastroso tsunami calabro-siculo del 6 febbraio 1783 fu provocato comunque indirettamente da un grande terremoto (magnitudo 6.3, dopo quello più forte del giorno prima di magnitudo 6.9).

Schermata 2017-06-23 alle 17.34.08.png

A causa della grande scossa notturna, un’immensa frana (un fronte di circa 500 metri ed un volume di diversi milioni di metri cubi) si staccò dal Monte Pacì (immediatamente a Sud di Scilla) e precipitò precipitosamente in mare nel giro di pochi secondi. Stavolta in Groenlandia non è stato un terremoto, ma direttamente una frana da una montagna che si trova a strapiombo sul mare, a provocare l’onda anomala che nei giorni scorsi ha devastato il litorale uccidendo 4 persone nel villaggio di Nuugaatsiaq.

Schermata 2017-06-23 alle 17.34.57.png

I corpi delle vittime non sono ancora stati recuperati, ma non c’è alcuna speranza di trovarli in vita nelle gelide acque polari. Intanto le bandiere di tutta la Groenlandia oggi sono a mezz’asta per il lutto nazionale proclamato dalla Danimarca. Il portavoce della polizia locale, Lars Kirkegaard, ha spiegato che le vittime sono tre adulti e un bambino, tutti della stessa famiglia. Il piccolo, i suoi genitori e uno dei suoi nonni. La ricerca dei corpi è stata interrotta a causa delle avverse condizioni meteorologiche (nebbia, ghiaccio e forti venti), e riprenderà non appena il tempo lo permetterà.

Intanto nei prossimi giorni a Nuugaatsiaq inizieranno i lavori per ricostruire le 11 case spazzate via in mare dallo tsunami, mentre gli evacuati gradualmente potranno tornare nelle loro abitazioni dopo le verifiche della stabilità dei costoni montani.

Fonte

 

Annunci