Una zummata su Epimetheus


Questa vista ingrandita di Epimetheus, una delle immagini a più alta risoluzione mai scattate, mostra una superficie coperta di crateri, ricordo costante dei pericoli dello spazio.

Epimetheo (113 chilometri di diametro) è troppo piccolo perchè la sua gravità possa mantenere un’atmosfera.

È troppo piccolo per essere geologicamente attivo.

Non esiste quindi alcun modo per cancellare le cicatrici degli impatti meteorici, fatta eccezione per la generazione di nuovi crateri d’impatto che cadono su quelli vecchi.

Questa ripresa guarda verso il lato nascosto alla vista di Saturno di Epimetheus. Il Nord di Epimetheus è in alto e ruotato di 32 gradi a destra. L’immagine è stata presa con la telecamera di Cassini il 21 febbraio 2017 usando un filtro spettrale che ammette preferenzialmente lunghezze d’onda di luce nel vicino infrarosso centrata a 939 nanometri.

La vista è stata acquisita a una distanza di circa 15.000 chilometri da Epimetheus. La scala di immagine è di 89 metri per pixel.

Annunci