Un tributo ai tempi in cui l’acqua scorreva su Marte


Questa sezione della regione di Libya Montes, che si trova sull’equatore al confine tra gli altopiani meridionali e le pianure settentrionali, è stata fotografata il 21 febbraio 2017 dalla telecamera stereo ad alta risoluzione della sonda Mars express.

Le montagne di Libya Montes, una delle regioni più antiche di Marte, si sono sollevate durante la formazione del bacino d’impatto Isidis del diametro di 1200 km circa 3,9 miliardi di anni fa, visto a nord  nel contesto della mappa.

Libya_Montes_in_context_node_full_image_2.jpg

Le caratteristiche viste in tutta la regione più ampia indicano che fiumi scorrevano sulla sua superficie e che erano presenti corpi d’acqua ampi come laghi o anche come mari nella storia antica di Marte.

Il canale in rilievo morbido che corre da sud a nord (da sinistra a destra nell’immagine a colori principale) si pensa che abbia percorso la regione intorno a 3,6 miliardi di anni fa. Probabilmente derivato dal cratere d’impatto Isidis a sud,  attraversava la parete del cratere e scorreva verso nord, tra le montagne sconvolte dall’evento catastrofico che modificò la topografia locale.

Libya_Montes_topography_node_full_image_2.jpg
Topografia di Libya Montes.

La valle è alimentata da numerosi affluenti, indicando forti precipitazioni e un dislivello superficiale dalla regione superiore a quelle più basse. Anche l’infiltrazione delle acque sotterranee ha contribuito a formare la valle.

La mineralogia nella regione di Libya Montes è molto diversificata. I minerali  formatisi nell’acqua e chimicamente alterati testimoniano l’attività idrotermale passata che può essere legata alla formazione del bacino d’urto di Isidis.

Libya_Montes_colour_view_node_full_image_2.jpg

Ad esempio, l’impatto potrebbe aver creato acqua liquida sciogliendo il ghiaccio sottomarino che interagiva con le antiche rocce di montagne vulcaniche.

Numerosi crateri in vari stati di degrado coprono l’intera scena, testimonianza della lunga e travagliata storia della regione. Forse i crateri più evidenti sono i due affiancati vicini al centro della scena, le loro pareti  brevi che li collegano danno l’aspetto di una figura a forma di otto.

Un altro cratere interessante si trova a sinistra, immerso nel fianco di una montagna umida. Inevitabilmente, il suo cerchio crollò sul fondo della valle sottostante.

La ricca diversità di caratteristiche geologiche di questa regione – e in questa immagine da sola – mostra l’ambiente dinamico che il pianeta ha vissuto nel tempo, evolvendo da un clima più caldo e umido che ha consentito all’acqua liquida di fluire liberamente attraverso la superficie, verso il mondo arido che noi Vediamo oggi.

 

Fonte

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...