I misteri delle “navi fantasma” ancora da risolvere


Storie realmente accadute di navi scomparse e poi ritrovate, sprovviste solo del proprio equipaggio. Di cosa ne sia stato, tutt’ora è mistero.


 

Di storie e leggende riguardo navi “fantasma” o di antichi battelli e galeoni scomparsi ne sono piene tutte le culture. Senza andare troppo lontano nel tempo, in periodi storici più recenti, sono state diverse le imbarcazioni a scomparire nel nulla. E, leggenda vuole, che molti misteri di navi scomparse insieme ai loro membri di equipaggio non siano mai stati risolti.

 

Lyobov Orlova

MV_Lyubov_Orlowa_Petermann_Island.JPG

La Lyobov Orlova è una nave da crociera, nota per le sue destinazioni in Antartide. Ad un certo punto della sua carriera, fu spostata dalla Repubblica Dominicana al Canada. Durante il tragitto, qualcosa andò storto – forse un guasto meccanico – e la nave fu lasciata in acque internazionali. Il governo canadese rifiutò di prestare soccorso alla nave e, poiché non aveva transponder a bordo, non poteva essere facilmente individuata. Fu più tardi scoperta sulla costa irlandese, ma si temette un’epidemia a causa di un ratto. La Guardia costiera irlandese fu abbastanza chiara nel dire di non volere ratti provenienti da navi straniere. Sulla base delle ultime segnalazioni, la Lyobov Orlova potrebbe giacere al largo della costa della Scozia.

 

Nina

 

nina_2799144c.jpg

Nel maggio 2013, la Nina partì dalla Nuova Zelanda verso Sydney. È scomparsa dopo aver navigato in una forte tempesta a giugno. Un messaggio di testo inviato poco dopo ha suggerito che la tempesta fosse stata deleteria. Tuttavia, nessuna traccia dell’imbarcazione è stata trovata durante una ricerca di oltre mezzo milione di miglia nautiche quadrate del Pacifico. Nel mese di ottobre, però, furono visualizzate immagini satellitari di una nave che scendeva lungo la costa della Nuova Zelanda. La ricerca è stata ufficialmente chiusa a luglio, ma i parenti hanno rifiutato di rinunciare alla speranza di vedere i propri cari tornare.

 

Tai Ching

Tai-Ching

Nel 2008 è stata trovata una barca da pesca abbandonata nell’Oceano Pacifico. La nave aveva subito un incendio, ma nessuna chiamata di “mayday” è mai stato lanciato dall’equipaggio. Le tre imbarcazioni di salvataggio mancavano. Nonostante la ricerca, nessuna traccia dei 29 membri dell’equipaggio asiatici ha mai prodotto successo.

 

Kaz 11

Kaz-11

Un catamarano trovato a quasi 88 miglia nautiche dalla costa settentrionale dell’Australia nel 2007. L’equipaggio di tre uomini non è mai stato trovato. La barca è stata scoperta con il suo motore ancora in esecuzione e una tavola apparecchiata per cena, ma nessuna persona. La radio stava funzionando, i computer funzionavano e la barca era in condizioni buone. Le vele alzate, anche se una era stata malamente tagliata e i giubbotti di salvataggio erano ancora a bordo. Non è stata riscontrata alcuna prova di coinvolgimento da parte di terzi. Un’indagine sulla scomparsa degli uomini ha avanzato che fosse probabile che due uomini siano caduti in mare e che il terzo fosse salito per aiutarli a salvarsi.

 

High Aim

High-Aim.jpg

Nel 2003 una barca da pesca, High Aim 6, è stata trovata abbandonata in acque australiane. Il suo capitano e l’ingegnere capo si temette fossero stati gettati in mare dal loro equipaggio indonesiano, che poi è fuggito. Nonostante la ricerca di circa 7.300 miglia nautiche in tutta la zona, nessuna traccia di equipaggio è mai stata trovata. Qualche tempo dopo, la barca è stata trovata dopo che alcune chiamate locali erano state fatte dal telefono cellulare dell’ingegnere della barca. La polizia indonesiana ha arrestato un sospettato che ha riferito di come l’equipaggio avesse ucciso il capitano. Ma nessuna spiegazione o dettaglio sono mai stati dati.

 

MV Joyita

MV-Joyita.jpg

La MV Joyita era una nave mercantile che si usava per pattugliare Big Island Hawaii fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Scomparve nel sud del Pacifico nel 1955 dopo essere salpata dal porto di Apia di Samoa, destinata alle Isole Tokelau. La sua partenza fu ritardata perché la frizione del motore non funzionava. Mancano 16 membri dell’equipaggio e nove passeggeri. Fu ritrovata cinque settimane dopo in parte sommersa, senza il suo equipaggio a bordo. A causa della sua galleggiabilità era quasi impossibile affondasse; ma le tre zattere di salvataggio mancavano dalla nave.

 

Carroll A. Deering

Carroll-A_-Deering.jpg

Il Carroll A. Deering è stato uno scudetto commerciale ritrovato correre a largo di North Carolina, nel 1921. Il suo equipaggio mancava insieme a tutti gli oggetti personali. Tuttavia, il cibo era stato preparato come se imminente un pasto. Nessuna traccia dell’equipaggio, del registro della nave o dell’attrezzatura di navigazione. Qualcuno ha azzardato si trattasse dell’ennesima vittima del triangolo delle Bermuda, anche se la teoria più probabile è chela nave sia stata abbandonata. Un’inchiesta del governo degli Stati Uniti si è conclusa nel 1922 senza alcuna risposta.

 

Mary Celeste

Mary-Celeste-_2799186c.jpg

La Mary Celeste era una brigantina trovata apparentemente abbandonata nell’Oceano Atlantico nel 1872. Era comunque sotto vela e si stava dirigendo verso lo Stretto di Gibilterra. Mancava solo l’unica imbarcazione di salvataggio, insieme all’equipaggio di sette persone. Il meteo era buono e non mancavano rifornimenti a bordo. La barca non aveva mai mandato segnali di emergenza. Il destino dell’equipaggio non è mai stato conosciuto, anche se le teorie sono sorte in merito a pirati che avevano attaccato la nave.

 

Fonte

Annunci