Il padre dell’IA, singolarità entro i prossimi 30 anni


Jürgen Schmidhuber, considerato uno dei padri dell’intelligenza artificiale, ha affermato che entro i prossimi 30 anni si avvererà la cosiddetta singolarità. Una previsione in linea con quella di altri esperti e futurologi.

istock-675938062-9c41f78f8220610994290eb3125ef2c4a5dba6c3-s900-c85-jpeg-44ffeced605a0b9f1a68531741c7fac5c.jpg

La singolarità accadrà, ormai non è lontana e non è più questione di , ma solo di quando. Per  Jürgen Schmidhuber, c‎ofondatore e Chief Scientist presso ‎l’‎azienda NNAISENSE‎‎, direttore del laboratorio svizzero IDSIA e da molti considerato come il padre dell’intelligenza artificiale, non ci sarà da attendere ancora a lungo: “entro i prossimi 30 anni, se la tendenza non si interrompe, avremo dispositivi computazionali piuttosto economici che avranno tante connessioni quanto quelle del cervello umano, ma saranno più veloci”.

Una previsione in linea con quella di altri futurologi ed esperti del settore, come ad esempio Ray Kurzweil, secondo cui dovremo attendere fino a circa il 2045 (27 anni) o di Louis Rosenberg, per cui la data sarebbe molto più vicina, addirittura 2030, quindi tra 12 anni, o infine Patrick Winston del MIT che punta al 2040, tra 22 anni. Insomma nel giro di una manciata di decenni al massimo quello che abbiamo sempre considerato fantascienza accadrà con certezza. E dopo?

Per singolarità tecnologica si intende il raggiungimento di un punto “nello sviluppo di una civiltà, in cui il progresso tecnologico accelera oltre la capacità di comprendere e prevedere degli esseri umani” e solitamente si riferisce in particolare all’avvento di una intelligenza superiore a quella umana. “Sarà molto di più di un’altra semplice rivoluzione industriale. Sarà qualcosa che trascende l’umanità e la vita stessa”, chiosa ancora Schmidhuber. ‎

Quando la vita biologica è emersa dall’evoluzione chimica, 3,5 miliardi di anni fa, una combinazione casuale di elementi semplici e senza vita segnò l’avvio di una rivoluzione biologica che portò a popolare il pianeta di esseri viventi, una rivoluzione al cui apice emerse l’essere umano. “Ora l’universo sta facendo un passo simile, passando da uno stadio di minor complessità a uno di maggior complessità”, ha detto Schmidhuber, “e sarà fantastico”.‎

‎Noi non sappiamo se sarà fantastico o meno, ma sicuramente non è detto che l’emergere di un nuovo tipo di intelligenza, forse anche di una nuova forma di vita, sia da considerarsi una catastrofe, anzi LA catastrofe finale, come alcuni sostengono dicendo che sarà l’ultima scoperta dell’umanità. In Occidente siamo abituati a ragionare per dualismi oppositivi e non riusciamo dunque a sfuggire alla logica uomo vs. macchina a cui ci hanno abituato film come Terminator, ma anche 2001 Odissea nello Spazio.

Nessuno però può avere la sicurezza che le cose non possano andare diversamente, ad esempio come narrato in Ghost In The Shell, film tutto giocato sulla definizione di essere umano e identità e sull’emergere di un nuovo genere post-umano, in cui però alla fine non c’è conflitto ma coesistenza, addirittura fusione.

Alla fine la singolarità, qualsiasi singolarità, non solo quella legata all’avvento dell’intelligenza artificiale, è questo: un salto nel buio da cui non si sa se si riemergerà diversi, o addirittura se si riemergerà affatto, ma l’avventura umana è fatta di salti nel buio e bisogna essere sempre pronti a saltare, perché a differenza di chi va avanti chi resta indietro ha una sola certezza, l’estinzione.

Fonte

Annunci