Arcipelago di Capo Verde


Cabo_Verde.jpg

Per la Giornata Mondiale degli Oceani, il satellite Copernicus Sentinel-3A ci porta  nell’Oceano Atlantico sopra la Repubblica di Capo Verde.

Molte delle piccole isole che compongono l’arcipelago di Capo Verde sono visibili da sotto le nuvole. Queste isole vulcaniche si trovano nell’Oceano Atlantico a circa 570 km al largo della costa occidentale del Senegal e della Mauritania, che incorniciano l’immagine sulla destra.

La cosa più sorprendente di questa immagine, tuttavia, è la polvere e la sabbia trasportate dal vento verso Capo Verde dall’Africa. La sabbia proviene principalmente dal Sahara e dal Sahel. A causa della posizione di Capo Verde e degli alisei, queste tempeste non sono rare e possono perturbare anche il traffico aereo.

Tuttavia, questa sabbia fertilizza anche l’oceano con sostanze nutritive e promuove la crescita del fitoplancton, piante microscopiche che sostengono la rete alimentare marina. Il ferro contenuto nella polvere è particolarmente importante. Senza ferro i mammiferi non possono fare l’emoglobina per trasportare ossigeno nella circolazione sanguigna e le piante non possono fare la clorofilla per la fotosintesi. Le ricerche hanno dimostrato che circa l’80 per cento del ferro contenuto nei campioni di acqua prelevati nell’Atlantico settentrionale proviene dal Sahara. Si può quindi supporre che la vita negli oceani profondi dipenda dall’apporto di fertilizzanti da parte di una delle regioni più inospitali del mondo.

Questa immagine, che è stata catturata il 30 maggio 2018.

Fonte