Il ‘primo dinosauro gigante’ riscrive la storia del Triassico


Il ritrovamento di una nuova specie di dinosauro in Argentina riscrive la storia dei giganti del passato. Se infatti prima si pensava che solo il Giurassico fosse popolato dai dinosauri più grandi, come il Brontosauro o il Diplodoco, la scoperta di “Prima Ingentia” retrodata la comparsa sul nostro pianeta dei giganti del passato.

dinosauro-638x425.jpg

Un dinosauro, ritrovato in Argentina, riscrive la storia dei giganteschi rettili dominatori del passato. Cecilia Apaldetti, ricercatrice dell’Universidad Nacional de San Juan in Argentina, autrice principale dello studio, pensa, grazie al ritrovamento di questo fossile, che la datazione della venuta dei primi dinosauri giganti vada anticipata di qualche milione di anni, sconvolgendo tutte le ipotesi fin ora fatte al riguardo.

Gli autori ritengono che il dinosauro misurasse 10 metri di lunghezza e 4 metri di altezza, per una massa corporea di circa 10 tonnellate, ovvero il peso di 2 o 3 elefanti circa. “Il nome Ingentia, gigante in latino, si riferisce alle sue dimensioni colossali, mentre Prima significa la prima venuta, cioè indica che è il primo gigante conosciuto fino ad oggi sul nostro pianeta”, ha raccontato il dott. Ricardo Martínez, anch’egli ricercatore e coautore della pubblicazione. Un’altra caratteristica incredibile di questo dinosauro era la crescita stagionale. Se infatti tutti gli altri dinosauri crescono in maniera stabile e continuata, la crescita di Prima sembra essere più simile a quella delle piante, cioè concentrata in certe stagioni dell’anno. L’aspetto che ha stupito di più i ricercatori risiede nel incredibile velocità alla quale aumentava la sua massa durante questo periodo, anche più rapido dei colossi di 30 e 40 metri che popoleranno i periodi successivi a quelli di Prima Ingentia. Altra caratteristica che sembra aver permesso alla “nonna” dei dinosauri giganti un simile accrescimento, sono delle sacche d’aria contenute dentro delle cavità ossee, utili sia per alleggerire il peso del rettile sia per abbassarne la temperatura.

Il Giurassico è stato considerata l’unica era “calpestata” dai rettili giganti, come il Diplodocus o il Brontosaurus che pesavano decine di tonnellate o il titanico Brachiosaurus, il quale raggiungeva l’incredibile peso di 100 tonnellate. “Prima di questa scoperta, si pensava che il gigantismo fosse sorto durante il periodo Giurassico, circa 180 milioni di anni fa, ma Ingentia Prima è vissuta nel tardo Triassico, tra i 210 e i 205 milioni di anni fa riscrivendo la storia dei dinosauri ” ha sottolineato Cecilia Apaldetti.

Fonte

Annunci