Il telescopio spaziale Hubble guarda nel cuore di M13


potw1011a.jpg

Nel 1714, Edmund Halley si meravigliò di quello che oggi è chiamato l’ammasso globulare di Ercole – M13 – scrivendo che “questa è solo una piccola macchia, ma si vede ad occhio nudo quando il Cielo è sereno e la Luna assente”. Oggi, l’M13, situato a 25.000 anni luce di distanza nella costellazione di Ercole, è considerato uno dei luoghi più belli del cielo del nord, uno sciame compatto di stelle ben compatte visibili in binocoli, piccoli telescopi e, come Halley osservò, a occhio nudo sotto un cielo limpido e scuro. Questa vista dal telescopio spaziale Hubble mostra il cluster in tutto il suo splendore, catturato in immagini scattate dalla fotocamera avanzata per le survey utilizzando filtri rosso, blu e verde.

Fonte