Dieci insolite scoperte archeologiche


Una delle cose migliori dell’archeologia è scoprire l’inaspettato. Alcuni dei risultati elencati di seguito sicuramente rientrano in questa categoria – da crani allungati a tombe di vampiri, melma verde, e il DNA di Bigfoot. Qui, ci sono dieci scoperte insolite che hanno avuto luogo negli ultimi anni.

unusual-discoveries-2013.jpg


 

Gli archeologi scoprono misterioso cranio allungato in Francia

Gli archeologi francesi hanno fatto una scoperta sorprendente durante uno scavo in Alsazia, Francia, quando hanno scoperto un cranio sostanzialmente allungato risalente a 1500 anni fa.  Il ritrovamento ha spinto gli archeologi ad estendere la loro ricerca su 7,5 acri, che ha portato alla scoperta di un’abbondanza di manufatti, resti umani e animali provenienti dalle società neolitiche, galliche, gallo-romane e merovingia. Il cranio sembra essere stato intenzionalmente allungato attraverso la pratica nota come deformazione cranica, che è di solito associata alle antiche culture mesoamericane ed è stata ampiamente praticata in Europa, Africa, Asia e, come noto, Sud America.  Il cranio è stato scoperto durante lo scavo di una necropoli contenente 18 sepolture, in una tomba appartenente ad una donna che chiaramente occupava una posizione di alto rango nella società in quanto era sepolta con un ricco assortimento di tesori tra cui spille d’oro, uno specchio d’argento, perle di vetro e ambra, un pettine fatto di corno di cervo e una serie di altri beni.  La deformazione cranica era spesso associata alle élite della società e affermava il loro alto status. L’importante domanda è, naturalmente, perché? 

La più insolita sepoltura di cani mai rinvenuta in Egitto

Un importante esperto di mummie animali ha pubblicato i risultati di una nuova analisi su una scoperta fatta nel 2009 in Egitto, dove gli archeologi hanno trovato una sepoltura canina altamente insolita in una grande struttura in mattoni di fango in Abydos, uno dei più antichi monumenti reali egiziani.  Due cani ben conservati sono stati trovati accovacciati all’interno di grandi vasi di ceramica, risalenti a circa 3.000 anni fa. Un gran numero di cani mummificati e cimiteri di cani sono stati trovati in tutto l’Egitto, ma è la prima volta che i cani sono stati trovati in vasi sepolcrali. Soprannominati Houdini e Chewie, i cani avevano ancora la pelliccia in gran parte intatta. Houdini è stato trovato in un grande vaso a due manici, e sepolto senza alcun involucro.  La sua pelliccia era di colore bruno-auburn e sembra essere stata ricoperta da un olio o resina, forse per la conservazione. A causa delle dimensioni del cane, i ricercatori non riuscirono a capire come fosse posizionato all’interno del vaso e così lo chiamarono come il mago Houdini. 

Le pietre di Stonehenge hanno rivelato di possedere incredibili proprietà musicali.

Un team di ricercatori del Royal College of Art (RCA) di Londra ha scoperto che le pietre usate per costruire Stonehenge hanno proprietà musicali e, quando vengono colpite, suonano come campane, tamburi e gong.  Si suggerisce che queste proprietà potrebbero essere la ragione per cui i costruttori erano disposti a viaggiare così lontano per procurarsi le pietre dal Galles e portarle al sito di Salisbury Plain, in Inghilterra. Gli esperti hanno condotto test acustici sul sito battendo le pietre bluestones con piccoli martelli di quarzo per testare i suoni.  Hanno scoperto che le pietre hanno fatto suoni metallici e di legno in molte note diverse.  Tali rocce sonore o musicali sono denominate “rocce che suonano” o “litofoni”. Gli investigatori ritengono che questa “energia acustica” avrebbe potuto essere la ragione principale per cui queste pietre sono state trasportate per quasi 200 miglia da Preseli alla piana di Salisbury, dato che gli archeologi non sono ancora stati in grado di spiegare perché sono state portate lì fino ad adesso, quando c’erano molte rocce locali da cui Stonehenge avrebbe potuto essere costruita. 

Il Museo di Storia Naturale di Londra allestisce un’unità per indagare i fenomeni inspiegabili

Il Museo di Storia Naturale di Londra ha annunciato un dipartimento specializzato che è stato paragonato al noto programma X-Files. Il Servizio di Identificazione e Consulenza dell’unità avrà il compito di investigare un’ampia gamma di fenomeni inspiegabili, e finora si sono scontrati con la cosiddetta “melma spaziale”, e una serie di oggetti bizzarri scoperti da abitanti britannici, tra cui ossa simili a un teschio di drago, oggetti rotondi considerati frammenti di meteoriti e un teschio con lunghe zanne che si ritiene appartenessero alla tigre dei denti a sciabola dell’era glaciale. Il team di ricerca adotta un approccio scientifico a tutti i contributi e così sono stati in grado di risolvere molti dei misteri. Tuttavia, uno dei fenomeni inspiegabili ha sconcertato la squadra – la misteriosa melma scoperta in una riserva naturale nel Somerset. La melma è apparsa nello stesso momento in cui una meteora si è schiantata sulla terra a Chelyabinsk, in Russia, il che ha portato molti a credere che la strana sostanza sia venuta dallo spazio.  Un fotografo dilettante ha dichiarato di aver catturato un oggetto misterioso che sfrecciava nel cielo sopra il parco con la macchina fotografica. L’oggetto sembrava essere una meteora, anche se questo non è stato confermato dagli astronomi. L’Angela Marmont Centre (AMC) del museo di Londra per la Biodiversity UK, che ospita il Servizio di Identificazione e Consulenza, è stato incaricato di investigare la bava misteriosa, con l’obiettivo di stabilire se fosse caduta dallo spazio o se le sue origini fossero piuttosto terrestri.  Finora le prove di laboratorio non sono riuscite a trovare cosa potesse essere e da dove venisse.

Lo studio del DNA risolve il mistero dello yeti himalayano, con risultati sorprendenti.

I racconti di un feroce “Abominable Snowman”, altrimenti chiamato Yeti, Sasquatch o Bigfoot, è uno dei misteri più duraturi al mondo. Apparenti testimonianze di testimoni oculari, video domestici sfuocati e tracce di grandi impronte non umane hanno instillato paura e curiosità nelle persone per secoli. Ora, sembra che il mistero sia stato risolto grazie a un nuovo studio sul DNA condotto da British Scientists e i risultati sono sorprendenti. Il professore di genetica dell’Università di Oxford, Bryan Sykes, ha condotto un’analisi del DNA su campioni di capelli provenienti dallo yeti sospetto, uno trovato nella regione himalayana occidentale del Ladakh e l’altro dal Bhutan, a 800 miglia di distanza.  Skyes ha usato questi campioni per confrontarli con quelli di GenBank, il deposito internazionale di sequenze genetiche di specie note. Sykes è rimasto sorpreso e perplesso nel trovare una corrispondenza del 100% con un campione di un antico orso polare trovato in Norvegia, che risale tra 40.000 e 120.000 anni fa.  Questo era intorno al periodo in cui l’orso polare e il relativo orso bruno si stavano separando in diverse specie e Sykes ritiene che la spiegazione più probabile è che l’animale è una sottospecie di orso bruno che discende da un antenato dell’antico orso polare. Il professor Sykes ha detto: “Può essere una sorta di ibrido e se il suo comportamento è diverso da quello degli orsi normali, come riferiscono i testimoni oculari, allora penso che potrebbe essere la fonte del mistero e la fonte della leggenda.

Indizi per svelare il mistero delle palline di argilla mesopotamica

Nuove ricerche hanno offerto indizi per decodificare i segreti delle palline di argilla mesopotamica, che sono state trovate in Iran e risalgono a 5.500 anni fa.  Lo studio, che ha utilizzato la scansione CT per guardare all’interno delle palline di argilla, ha rivelato che le palline possono rappresentare il “primo sistema di memorizzazione dei dati” del mondo. Le loro dimensioni variano da quelle delle palline da golf a quelle da baseball e ad oggi, solo 150 esemplari intatti sono stati trovati nella regione.   I ricercatori hanno usato attrezzature high-tech per guardare dentro le palle e hanno scoperto che contenevano gettoni di varie forme geometriche. È possibile che le forme trasmettessero numeri utilizzati per contare i diversi tipi di prodotti che venivano scambiati.  Stranamente, la TAC ha rivelato anche che una palla conteneva gettoni che sarebbero stati avvolti in un panno prima di essere messi nella palla e poi fatto versare su di essi un liquido di tipo bituminoso. La ragione di ciò rimane ancora un mistero. La regione che un tempo conteneva la fiorente civiltà della Mesopotamia non è l’unico luogo dove sono state trovate palle di argilla o di pietra.  Più di 400 palle di pietra intagliate sono state trovate in Scozia e risalgono al periodo neolitico tra il 3000 e il 2000 a.C., e migliaia di palle di argilla della grandezza di una palla da baseball sono state trovate nell’antica città neolitica di Çatalhöyük in Turchia.  E’ un caso che questi manufatti siano stati trovati in molti paesi del mondo appartenenti alla stessa epoca? Sono stati usati per lo stesso scopo? 

I Greci antichi hanno usato il calendario di Venere per tracciare la gravidanza?

Nuove ricerche suggeriscono che un calendario basato sul movimento del pianeta Venere è stato utilizzato nella vita quotidiana delle persone nelle antiche civiltà dell’Egeo all’incirca nel 4.000 AC, e può anche essere stato utilizzato per tracciare le pietre miliari durante la gravidanza.  Oggetti neolitici a forma di ‘padelle’ che sono stati trovati in Grecia, sono stati decorati con cerchi concentrici, spirali, motivi radiali e, a volte vogatori a remi. Il professore di fisica dello spazio, Minas Tsikritsis, ha suggerito che gli oggetti sono stati utilizzati come calendari per eseguire calcoli astronomici delle orbite di Venere, Giove, Marte e del Sole.  La cosa interessante è che sembra che il movimento del pianeta Venere fosse correlato al ciclo biologico della gravidanza. Il pianeta Venere (legato alla Dea Afrodite) appare prima dell’alba per 263 giorni (circa 9 mesi lunari) e altri 265 giorni dopo il tramonto. Così la metà del ciclo di Venere è di circa 9 mesi che coincide con il ciclo biologico della gravidanza. Aggiungendo a ciò, si può notare che su alcuni degli oggetti sono stati incisi triangoli e altri simboli accanto a specifici giorni del calendario, e alcuni avevano anche incisioni a forma di utero femminile. Questo suggerisce che un tale calendario è stato utilizzato dalle donne per determinare se erano incinte o meno, così come il monitoraggio delle tappe fondamentali della loro gravidanza.

I monaci medievali di Bicester bevevano 10 pinte di birra alla settimana

Gli archeologi hanno scoperto un’antica birreria che veniva visitata quotidianamente dai monaci dell’ex Priorato di Bicester in Inghilterra. I santi uomini bevevano birra ogni giorno per uccidere i batteri e avrebbero bevuto circa 10 pinte di birra alla settimana. “I monaci prendevano da otto a dieci pinte di birra alla settimana. Aveva una piccola quantità di alcol che uccideva i batteri – era più sicuro che bere l’acqua”, ha detto Andrew Weale, manager di Thames Valley Archaeology. “Fino al 18°/19° secolo, una parte del tuo stipendio sarebbe stata in birra”. Mentre i monaci conducevano una vita solitaria di lavoro e preghiera, credevano anche nell’ospitalità e nella carità.  I monasteri erano rinomati come luoghi di rifugio per i viaggiatori in cerca di un luogo sicuro, pulito, con cibo e bevande decenti.  I monaci producevano e commerciavano il loro cibo e facevano le loro bevande, così la birra e il vino erano facilmente reperibili nei monasteri. 

Archeologi bulgari scovano la tomba di un vampiro

Gli archeologi che lavorano nel sito bulgaro di Perperikon hanno trovato lo scheletro di un maschio sepolto con un palo di ferro immerso nel petto, un rituale praticato nel Medioevo per evitare che l’individuo “si trasformi in non morto”. Le monete ritrovate con il corpo sono state provvisoriamente datate al XIII e XIV secolo. Non è la prima ‘tomba di vampiri’ ad essere stata scoperta in Bulgaria. La scoperta fa il paio con una simile scoperta fatta a Sozopol l’anno scorso.  In tutta la Bulgaria sono stati trovati i resti di oltre 100 persone trattate come vampiri, tutti uomini e tutti cittadini di spicco. Secondo le credenze pagane, le persone che erano considerate cattive durante la loro vita potevano trasformarsi in vampiri dopo la morte, a meno che non fossero state pugnalate al petto con un’asta di ferro o di legno prima di essere sepolte. La gente credeva che l’asta li avrebbe anche bloccati nelle loro tombe per impedire loro di partire a mezzanotte e terrorizzare i vivi. Le leggende dei vampiri costituiscono una parte importante del folklore della regione.

Fonte