Il fantasma di Cassiopea


 

heic1818a.jpgA circa 550 anni luce nella costellazione della Cassiopea si trova IC 63, una nebulosa stupefacente e leggermente inquietante. Conosciuto anche come il fantasma di Cassiopea, IC 63 viene plasmato dalle radiazioni di una stella vicina, Gamma Cassiopeae, che sta lentamente erodendo la nube spettrale di polvere e gas. Questo fantasma celeste fa da sfondo perfetto per la prossima festa di Halloween.

La costellazione di Cassiopea, che prende il nome da una regina della mitologia greca, forma la “W” facilmente riconoscibile nel cielo notturno settentrionale. Il punto centrale della W è segnato da una stella fuori dal comune chiamata Gamma Cassiopeiae.

La notevole Gamma Cassiopeiae è una stella variabile subgigante bianco-blu che è circondata da un disco gassoso. Questa stella è 19 volte più massiccia e 65 000 volte più luminosa del nostro Sole. Ruota anche all’incredibile velocità di 1,6 milioni di chilometri all’ora – oltre 200 volte più veloce della nostra stella. Questa rotazione frenetica le conferisce un aspetto schiacciato. La rapida rotazione provoca eruzioni di massa dalla stella in un disco circostante. Questa perdita di massa è legata alle variazioni di luminosità osservate.

La radiazione di Gamma Cassiopea è così potente che colpisce anche IC 63, a volte soprannominata la Nebulosa Fantasma, che si trova a diversi anni luce dalla stella. IC 63 è visibile in questa immagine scattata dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA.

I colori della  inquietante nebulosa mostrano come la nebulosa sia influenzata dalla potente radiazione della stella lontana. L’idrogeno all’interno dell’IC 63 viene bombardato dalle radiazioni ultraviolette della Gamma Cassiopeae, facendo sì che i suoi elettroni acquistino energia che poi rilasciano come radiazioni in idrogeno-alfa, visibili in rosso in questa immagine.

heic1818b.jpg
Questa immagine mostra il cielo intorno a IC 63, soprannominata la nebulosa fantasma. Il campo visivo è dominato dalla stella luminosa Gamma Cas, che sta avendo una profonda influenza su IC 63.
IC 63 è solo una delle numerose strutture nebulose che circondano le Gamma Cas, tutte influenzate dalla radiazione emessa dalla stella subgigante bianco-blu.

Questa radiazione idrogeno-alfa fa dell’IC 63 una nebulosa di emissione, ma in questa immagine vediamo anche la luce blu. Questa è la luce delle Gamma Cassiopeae che è stata riflessa da particelle di polvere nella nebulosa, il che significa che IC 63 è anche una nebulosa di riflessione.

Questa nebulosa colorata e spettrale si sta lentamente dissipando sotto l’influenza delle radiazioni ultraviolette delle Gamma Cassiopeae. Tuttavia, IC 63 non è l’unico oggetto sotto l’influenza della potente stella. Fa parte di una regione nebulosa molto più grande che circonda la Gamma Cassiopeae, che misura circa due gradi in cielo – circa quattro volte la larghezza della Luna piena.

Questa regione si vede meglio dall’emisfero settentrionale durante l’autunno e l’inverno. Anche se è alta nel cielo e visibile tutto l’anno dall’Europa, è molto fioca, quindi per osservarla è necessario un telescopio piuttosto grande e cieli scuri.

Dall’alto dell’atmosfera terrestre, Hubble ci offre una vista che non possiamo sperare di vedere con i nostri occhi. Questa foto è forse l’immagine più dettagliata che sia mai stata scattata di IC 63, e mostra splendidamente le capacità di Hubble.

 

Schermata 2018-10-26 alle 18.07.22.jpg
Questo video offre una panoramica della nebulosa IC 63.

Fonte