E’ esploso il vulcano Raikoke


iss059e119250_lrg.jpg

A differenza di alcuni dei suoi vicini perennemente attivi sulla penisola di Kamchatka, il vulcano Raikoke sulle isole Kurili erutta raramente. La piccola isola di forma ovale è esplosa recentemente nel 1924 e nel 1778.

Il periodo di quiescenza si è concluso intorno alle 4:00 ora locale del 22 giugno 2019, quando è esploso generando dal suo cratere largo 700 metri  una vasta e altissima colonna di cenere e gas vulcanici. Diversi satelliti – così come gli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale – hanno osservato come una spessa nube che si è alzata e poi si è spostata verso est mentre veniva sospinta nella circolazione atmosferica da una tempesta nel Pacifico del Nord.

La mattina del 22 giugno, gli astronauti hanno scattato una fotografia (sopra) della nube vulcanica che sale in una stretta colonna e poi si espande in una parte della nube conosciuta come la regione dell’ombrello. Questa è l’area in cui la densità della nuvola e l’aria circostante si compensano e la nube smette di salire. L’anello di nuvole alla base della colonna sembra essere vapore acqueo.

“Che immagine spettacolare. Mi ricorda la classica fotografia dell’astronauta di Sarychev Peak di un’eruzione nelle Kuriles di una decina di anni fa”, ha detto Simon Carn, vulcanologo del Michigan Tech. “L’anello di nuvole bianche gonfie alla base della colonna potrebbe essere un segno che l’aria dell’ambiente attorno al vulcano viene aspirata nella colonna e la condensazione del vapore acqueo. Oppure potrebbe essere un pennacchio nascente dall’interazione tra il magma e l’acqua di mare perché Raikoke è una piccola isola e la lava probabilmente è arrivata al mare”.

Il Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer (MODIS) sul satellite Terra della NASA ha acquisito la seconda immagine la mattina del 22 giugno.

raikoke_tmo_2019173_lrg.jpg

All’epoca, la cenere più concentrata era sul bordo occidentale del pennacchio, sopra il Raikoke. La terza immagine, una vista obliqua e composita basata sui dati della Visible Infrared Imaging Radiometer Suite (VIIRS) su Suomi NPP, mostra il pennacchio poche ore dopo. Dopo una prima ondata di attività che comprendeva diversi impulsi esplosivi distinti, l’attività si è calmata e i forti venti hanno diffuso la cenere in tutto il Pacifico. Il giorno successivo, solo un lieve residuo di cenere rimaneva visibile al MODIS.

Poiché la cenere contiene frammenti taglienti di roccia e vetro vulcanico, rappresenta un serio pericolo per gli aerei. I centri di consulenza sulle ceneri vulcaniche di Tokyo e Anchorage Volcanic Ash Advisory Centers hanno seguito da vicino il pennacchio e hanno rilasciato diverse note agli aviatori che indicano che la cenere ha raggiunto un’altitudine di 13 chilometri. Nel frattempo, i dati del satellite CALIPSO indicano che parti del pennacchio possono aver raggiunto i 17 chilometri.

raikoke_vir_2019173_lrg.jpg

Oltre a tracciare le ceneri, i sensori satellitari possono anche tracciare i movimenti dei gas vulcanici. In questo caso, Raikoke ha prodotto una nube concentrata di anidride solforosa (SO2) che si è separata dalla cenere e ha roteato in tutto il Nord Pacifico mentre la nube interagiva con la tempesta.

“I dati delle radiosonde della regione indicano un’altitudine della tropopausa di circa 11 chilometri, quindi altitudini di 13-17 chilometri suggeriscono che la nube di eruzione è per lo più nella stratosfera”, ha detto Carn. “La persistenza di grandi quantità di SO2 negli ultimi due giorni indica anche un’iniezione stratosferica”.

I vulcanologi osservano attentamente le nubi vulcaniche che raggiungono la stratosfera perché tendono a rimanere in aria più a lungo di quelle che rimangono all’interno della troposfera. Questo è il motivo per cui le nuvole vulcaniche che raggiungono la stratosfera hanno tipicamente i maggiori effetti sull’aviazione e sul clima.

 

Fonte

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...