Il COVID-19 ha un periodo di incubazione medio di 5,1 giorni


Questa immagine al microscopio elettronico a scansione mostra la SARS-CoV-2 (gialla) isolata da un paziente negli Stati Uniti, che emerge dalla superficie delle cellule (blu/rosa) coltivate in laboratorio.

L’analisi dei dati sulle infezioni da coronavirus 2 della sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoV-2), un nuovo coronavirus umano che causa la malattia respiratoria COVID-19, ha fornito una stima di 5,1 giorni per il periodo di incubazione mediana della malattia. Questo tempo mediano dall’esposizione all’insorgenza dei sintomi suggerisce che il periodo di quarantena di 14 giorni utilizzato dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) per gli individui con probabile esposizione alla SARS-CoV-2 è ragionevole.


Nel dicembre 2019, un gruppo di casi di polmonite grave di causa sconosciuta è stato segnalato a Wuhan, provincia di Hubei, Cina.

Il gruppo iniziale era epidemiologicamente legato a un mercato all’ingrosso di frutti di mare a Wuhan, anche se molti dei 41 casi iniziali sono stati successivamente segnalati senza alcuna esposizione nota al mercato.

Un nuovo ceppo di coronavirus, SARS-CoV-2, appartenente alla stessa famiglia di virus della SARS e il MERS, così come i 4 coronavirus umani associati al comune raffreddore, è stato successivamente isolato da campioni del tratto respiratorio inferiore di 4 casi il 7 gennaio 2020.

L’infezione con il virus può essere asintomatica o può portare a una malattia COVID-19 da lieve a grave.

C’è un sostegno limitato per molte delle sue caratteristiche epidemiologiche chiave, compreso il periodo di incubazione per la malattia clinica, che ha importanti implicazioni per le attività di sorveglianza e controllo.

Per stimare la durata del periodo di incubazione di COVID-19 e descrivere le sue implicazioni per la salute pubblica, il dottor Justin Lessler della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health e colleghi hanno analizzato 181 casi provenienti dalla Cina e da altri paesi che sono stati rilevati prima del 24 febbraio, sono stati riportati dai media, e hanno incluso date probabili di esposizione e di insorgenza dei sintomi.

La maggior parte dei casi riguardava viaggi da o verso Wuhan o l’esposizione a persone che erano state nella provincia di Hubei.

Il periodo di incubazione mediano è stato stimato in 5,1 giorni (95% di IC, da 4,5 a 5,8 giorni), e il 97,5% di coloro che sviluppano i sintomi lo farà entro 11,5 giorni (IC, da 8,2 a 15,6 giorni) dall’infezione.

I ricercatori hanno stimato che per ogni 10.000 individui messi in quarantena per 14 giorni, solo circa 101 svilupperebbero i sintomi dopo essere stati rilasciati dalla quarantena.

Il CDC e molte altre autorità sanitarie pubbliche in tutto il mondo hanno utilizzato un periodo di quarantena di 14 giorni o un periodo di monitoraggio attivo per gli individui che sono noti per essere ad alto rischio di infezione a causa del contatto con casi noti o viaggiare in una zona fortemente colpita.

“Sulla base della nostra analisi dei dati disponibili al pubblico, l’attuale raccomandazione di 14 giorni per il monitoraggio attivo o la quarantena è ragionevole, anche se con questo periodo alcuni casi verrebbero persi a lungo termine”, ha detto il dottor Lessler.

La nuova stima di 5,1 giorni per il periodo di incubazione mediana della SARS-CoV-2 è simile alle stime dei primi studi su questo nuovo virus, che si basavano su un numero inferiore di casi.

Questo periodo di incubazione per la SARS-CoV-2 si colloca nello stesso intervallo della SARS-CoV, un diverso coronavirus infettivo per l’uomo che ha causato un’importante epidemia concentrata nella Cina meridionale e a Hong Kong nel 2002-04.

Per il MERS-CoV, un coronavirus che ha causato centinaia di casi in Medio Oriente, con un tasso di mortalità relativamente alto, il periodo medio di incubazione stimato è di 5-7 giorni.

I coronavirus umani che causano i comuni raffreddori hanno un periodo di incubazione medio di circa tre giorni.

L’articolo del team è stato pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine.

Fonte