Finistère: ovest della Bretagna


La missione Copernicus Sentinel-2 ci porta nel Finistère – un dipartimento francese nell’ovest della Bretagna.


La Bretagna è un’importante regione culturale nel nord-ovest della Francia. In precedenza regno, poi ducato, la Bretagna è stata unita alla Francia nel 1532. Oggi la Bretagna è divisa in quattro dipartimenti: Ille-et-Vilaine a est, Morbihan a sud, Côtes d’Armor a nord e Finistère a ovest. La Bretagna ha più di 1000 km di costa – con una vasta gamma di spiagge e paesaggi costieri rocciosi che la rendono una popolare destinazione turistica.

I campi ricoprono la campagna francese e dominano questa immagine ripresa il 27 settembre 2018. La Bretagna è una delle principali regioni francesi per la coltivazione di ortaggi, nota per i suoi carciofi, cavolfiori, carote e patate. La Francia è infatti uno dei principali paesi agricoli dell’Unione Europea ed è la patria di circa un terzo di tutti i terreni agricoli dell’UE.

La città di Brest è visibile nella parte sinistra dell’immagine, situata lungo la baia riparata vicino alla punta occidentale della penisola. Con una popolazione di circa 150 000 abitanti, Brest è la città più grande del dipartimento del Finistère. La città portuale ha avuto un ruolo importante nella storia francese, essendo stata una base navale chiave durante la seconda guerra mondiale.

Ad ovest di Brest si trova la Pointe de Corsen, altrimenti nota come il punto più occidentale della Francia continentale. Il nome Finistère deriva dal latino ‘Finis Terræ’ – che significa ‘fine della terra’.

Ushant, o Ouessant in francese, e le Isole Iroise si trovano a circa 30 km dalla costa della Francia e sono visibili nella parte sinistra dell’immagine.

La missione Copernicus Sentinel-2 è stata progettata per fornire immagini che possono essere utilizzate per distinguere tra i diversi tipi di colture, nonché dati su numerosi indici delle piante, come la superficie fogliare, la clorofilla fogliare e l’acqua fogliare – tutti elementi essenziali per monitorare accuratamente la crescita delle piante.

Fonte