Datata all’anno 777 con il radiocarbonio la costruzione del complesso di Uyghur


Vista aerea di Por-Bajin da ovest. Il complesso è situato su un’isola in un lago. Gli scienziati ne hanno fissato la costruzione all’anno 777, utilizzando una speciale tecnica di datazione al carbonio-14, basata su improvvisi picchi di concentrazione di carbonio-14.

La datazione precisa degli oggetti archeologici è difficile, anche quando si utilizzano tecniche come la datazione al radiocarbonio. Utilizzando un metodo sviluppato di recente, basato sulla presenza di improvvisi picchi di concentrazione di carbonio-14, gli scienziati dell’Università di Groningen, insieme ai colleghi russi, hanno fissato la data per la costruzione di un complesso dell’ottavo secolo nella Siberia meridionale ad un anno specifico. Questo permette agli archeologi di comprendere finalmente lo scopo della costruzione del complesso e il motivo per cui non è mai stato utilizzato. I risultati sono stati pubblicati in Proceedings of the National Academy of Sciences.

Il complesso Por-Bajin, al confine tra la Federazione Russa e la Mongolia, misura 215 x 162 metri e ha mura esterne alte 12 metri. Tutti i muri sono in argilla (Por-Bajin si traduce come “casa d’argilla”) su una fondazione di travi di legno. Il complesso è stato creato dagli uiguri nomadi nell’ottavo secolo. Ma gli archeologi non conoscevano lo scopo del complesso e perché sembra che non sia mai stato utilizzato.

KHAN

“Per capire questo, è stata necessaria la data esatta di costruzione per scoprire quale leader locale, o khan, ha dato gli ordini per la costruzione”, spiega Margot Kuitems, ricercatrice post-dottorato presso il Centro per la ricerca sugli isotopi dell’Università di Groningen. Attualmente lavora al progetto Exact Chronology of Early Societies (ECHOES), finanziato dal Consiglio Europeo delle Ricerche e guidato dal Professore assistente di Isotope Chronology Michael Dee, che è anche autore del documento PNAS.

Per il periodo del primo Medioevo, la datazione al radiocarbonio è generalmente precisa entro pochi decenni. Questo è sufficiente per la maggior parte delle applicazioni. Tuttavia, poiché il khans è andato e venuto nel corso dell’ottavo secolo, la data di costruzione esatta è stata richiesta per collegarla a un leader specifico. Nell’ambito del progetto ECHOES, Kuitems ha applicato un metodo sviluppato di recente per datare esattamente i suoi campioni.

IL PICCO

Il carbonio-14 (un isotopo radioattivo del carbonio) si crea nell’alta atmosfera. Le piante assorbono l’anidride carbonica, che comprende una piccola quantità di carbonio-14. Quando la pianta, o l’animale che ha mangiato la pianta muore si ferma l’assorbimento del carbonio e il carbonio-14 decade lentamente. Ogni 5.730 anni, la metà del carbonio-14 decade. Pertanto, la concentrazione di carbonio-14 rivela l’età dell’oggetto (animale, pianta o qualsiasi altro materiale organico).

I tassi di produzione di carbonio-14 nell’atmosfera non sono costanti. Tuttavia, si ritiene che i cambiamenti del carbonio-14 nell’atmosfera mostrino poche variazioni da un anno all’altro. Poi, nel 2013, il professore giapponese Fusa Miyake ha analizzato i singoli anelli degli alberi e ha trovato uno spettacolare picco nel contenuto di carbonio-14 nell’anno 775. “Quando si trova del legno in un sito archeologico di quel periodo, si può cercare il picco misurando il contenuto di carbonio-14 dei successivi anelli degli alberi”, spiega Kuitems. Lo spuntone indica quale anello di albero è cresciuto nell’anno 775. E quando il campione include la corteccia, è anche possibile determinare quando l’albero è stato abbattuto.

Un’immagine al microscopio degli anelli più esterni dell’albero in un raggio di Por-Bajin. Per l’ultimo anello, l’albero ha formato solo legno precoce (bande più scure; le bande più chiare sono legno tardivo). Il picco di carbonio-14 è stato scoperto nel 3° anello dalla corteccia.

PRINCIPESSA CINESE

Questo approccio è stato utilizzato per analizzare una trave presa dalle fondamenta stesse del complesso Por-Bajin. Il campione che hanno usato aveva 45 anelli, seguiti dalla corteccia. Le misurazioni hanno mostrato che il picco risalente all’anno 775 era presente nel 43° anello. “Quindi, sapevamo che l’albero era stato abbattuto nel 777. La specialista di anelli per alberi e coautore Petra Doeve ha determinato che l’anello finale, parziale, è stato creato in primavera”. Nella Siberia meridionale, c’è una chiara distinzione tra il legno estivo e quello invernale.

Gli archeologi russi hanno precedentemente riferito che l’intero complesso è stato completato in un tempo molto breve, circa due anni. Por-Bajin si trova su un’isola in un lago ed è stato stabilito che gli alberi provenivano dalla zona circostante.

“Siamo abbastanza certi che siano stati abbattuti per la costruzione del complesso, ed è quindi molto probabile che la costruzione sia avvenuta intorno al 777”.

In precedenza il sito era stato datato al 750, sulla base di un’iscrizione runica su un monumento chiamato “Pietra di Selenga”, che descriveva la costruzione di un grande complesso. Nel 750, Bayan-Chur Khan governò gli Uiguri. Era sposato con una principessa cinese e questo potrebbe spiegare perché alcune influenze cinesi sono state trovate nel complesso Por-Bajin.

“Tuttavia, i precedenti tentativi di datazione al radiocarbonio suggerivano già che gli edifici potevano essere leggermente più giovani”.

MANICHEISMO

Nell’anno 777, Tengri Bögü Khan era al comando. Si era convertito al manicheismo, una religione gnostica fortemente contrastata. Infatti, Bögü Khan fu ucciso durante una ribellione anti-manichea nel 779. “Tutto questo si lega perfettamente alle testimonianze archeologiche”, spiega Kuitems. È probabile che il complesso sia stato costruito per servire da monastero manicheo.

“Questo spiega perché non è mai stato usato dopo che gli antimanichesi hanno sconfitto Bögü Khan”. Se fosse stato un palazzo o una fortezza, è più probabile che i vincitori si sarebbero trasferiti”.

Lo studio mostra come i picchi di carbonio-14 possano aiutare a risolvere gli enigmi archeologici, dice Kuitems: “Questa tecnologia può essere davvero utile nei casi in cui è richiesta una data esatta”. E man mano che si individuano sempre più picchi, il loro utilizzo si diffonderà sempre più.

Fonte