Il satellite Suomi NPP della NASA-NOAA ha analizzato la nube di polvere sahariana


Questa immagine del 24 giugno 2020 è tratta dall’indice aerosol Suomi NPP OMPS. Un pennacchio di polvere si è spostato sulla penisola dello Yucatan e su per il Golfo del Messico. La parte più grande e spessa della nube di polvere è visibile sopra l’Atlantico orientale e centrale.

Le tempeste di polvere del deserto sahariano che attraversano l’Oceano Atlantico non sono una novità, ma l’attuale tempesta di polvere è stata piuttosto espansiva e i satelliti della NASA hanno fornito uno sguardo all’enorme pennacchio di giugno. Il satellite Suomi NPP della NASA-NOAA ha mostrato che la coltre di polvere si è spostata sul Golfo del Messico e si è estesa in America Centrale e su parte dell’Oceano Pacifico orientale.


La NASA usa i satelliti e altre risorse per tracciare le particelle di aerosol fatte di polvere del deserto, fumo e cenere vulcanica. Lo strumento Visible Infrared Imaging Radiometer Suite (VIIRS) a bordo della Suomi NPP ha fornito un’immagine visibile, mentre lo strumento Ozone Mapping and Profiling Suite (OMPS) Nadir-Mapper (NM) a bordo del satellite Suomi-NPP ha fornito valori di indice di assorbimento dell’aerosol. L’indice OMPS indica la presenza di particelle aerosol assorbenti la luce (ultravioletti (UV) – particelle assorbenti nell’aria) come la polvere del deserto. L’indice di assorbimento dell’aerosol è correlato sia allo spessore che all’altezza dello strato di aerosol.

L’indice di aerosol assorbente è utile per identificare e tracciare il trasporto a lungo raggio di ceneri vulcaniche provenienti da eruzioni vulcaniche, fumo di incendi boschivi o eventi di combustione di biomassa e polvere delle tempeste di polvere del deserto. Queste particelle di aerosol possono anche essere tracciate su nuvole e aree coperte da neve e ghiaccio.

Questa immagine è un composito dell’indice aerosol OMPS e dell’immagine visibile VIIRS, entrambi provenienti dal satellite Suomi NPP della NASA/NOAAA il 24 giugno. L’immagine mostra il pennacchio di polvere che si è spostato sulla penisola dello Yucatan e su per il Golfo del Messico.

Colin Seftor, uno scienziato atmosferico del Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, Md., ha creato immagini che assorbono l’indice di aerosol e immagini visibili dallo strumento VIIRS. Ha detto che il 23 e 24 giugno il pennacchio di polvere si è spostato completamente sopra la penisola dello Yucatan in Messico, attraverso il Golfo del Messico e nel sud del Texas. A quel punto la situazione diventa più complicata perché il segnale dell’indice di assorbimento dell’aerosol visto più a nord in Texas, Oklahoma, Nebraska, ecc. è probabilmente un misto di polvere e fumo dei numerosi incendi che bruciano nel sud-ovest degli Stati Uniti.

Il 25 giugno, presso la NASA Goddard è stata creata un’animazione che combinava l’indice di aerosol OMPS e le immagini visibili VIIRS del satellite Suomi NPP della NASA/NOAA, mostrando il movimento della nube di polvere sahariana dal 15 al 25 giugno 2020. L’animazione ha mostrato il pennacchio di polvere che si è riversato dalla costa occidentale dell’Africa attraverso l’Atlantico nel Mar dei Caraibi e su per il Golfo del Messico attraverso alcuni stati del Golfo.

Le particelle di aerosol assorbono e diffondono la luce solare in entrata, riducendo la visibilità e aumentando la profondità ottica. Le particelle di aerosol hanno un effetto sulla salute umana, sul tempo e sul clima. Le particelle di aerosol sono prodotte da molti eventi, tra cui le attività umane, come l’inquinamento delle fabbriche e i processi naturali come il fumo degli incendi, la polvere delle tempeste di polvere, il sale marino delle onde che si infrangono e la cenere vulcanica dei vulcani. Le particelle di aerosol compromettono la salute umana se inalate da persone con asma o altre malattie respiratorie. Le particelle di aerosol influenzano anche il tempo e il clima raffreddando o riscaldando la terra, oltre a migliorare o prevenire la formazione di nubi.

Questa immagine composita “true-color” del pennacchio di polvere sahariana è stata catturata dallo strumento VIIRS a bordo del satellite Suomi NPP della NASA/NOAAA il 24 giugno 2020. Le striature luminose viste a intervalli regolari sono dovute al luccichio del sole sulla superficie dell’oceano.

Il 18 giugno, la NASA ha notato che le parti più spesse del pennacchio sembravano estendersi per circa 2.500 chilometri attraverso l’Oceano Atlantico. Al 24 giugno, il pennacchio si estendeva per oltre 8.000 chilometri.

La polvere proveniente dall’Africa può influenzare la qualità dell’aria fino al Nord e al Sud America se viene mescolata fino al livello del suolo. Ma la polvere può anche svolgere un importante ruolo ecologico, come ad esempio fertilizzare i terreni in Amazzonia e costruire spiagge nei Caraibi. Le condizioni secche, calde e ventose associate alle epidemie dello strato di aria sahariana in Africa possono anche sopprimere la formazione e l’intensificazione dei cicloni tropicali.

“Mentre il trasporto di polvere sahariana attraverso l’oceano verso le Americhe non è raro, la dimensione e la forza di questo particolare evento è piuttosto insolita”, ha detto Seftor. “Inoltre, se si guarda al largo delle coste africane si può vedere l’ennesima grande nube che si stacca dal continente, continuando ad alimentare la lunga catena di polveri che attraversa l’Atlantico”.

Questa animazione mostra gli aerosol nel pennacchio di polvere del Sahara dal 15 al 25 giugno 2020. È stata creata a partire dall’indice degli aerosol della Suomi NPP OMPS. Il pennacchio di polvere si è spostato dalla costa occidentale dell’Africa attraverso l’Oceano Atlantico nel Mar dei Caraibi e su per il Golfo del Messico. La parte più grande e spessa del pennacchio è visibile sopra l’Atlantico orientale e centrale.

Questa animazione composita “true-color” di immagini satellitari visibili mostra il movimento del pennacchio di polvere sahariana dal 15 al 25 giugno 2020. È stato catturato dallo strumento VIIRS a bordo del satellite Suomi NPP della NASA/NOAAA. Le striature luminose viste a intervalli regolari sono dovute al luccichio del sole sulla superficie dell’oceano.

Questa animazione della progressione della nube di polvere sahariana attraverso l’Oceano Atlantico dal 15 al 25 giugno 2020 combina l’indice di aerosol OMPS e le immagini visibili VIIRS del satellite Suomi NPP della NASA/NOAA. Il pennacchio di polvere si è spostato dalla costa occidentale dell’Africa attraverso l’Atlantico nel Mar dei Caraibi e su per il Golfo del Messico. La parte più grande e spessa del pennacchio è visibile sopra l’Oceano Atlantico orientale e centrale.

Fonte