Palle di catrame rilevate nell’atmosfera himalayana


Alcuni si riferiscono all’altopiano dell’Himalaya-Tibetano come al “terzo polo” perché la regione ha la più grande riserva di neve e ghiaccio glaciale al di fuori dei poli nord e sud. I ghiacciai, estremamente sensibili ai cambiamenti climatici e all’influenza umana, si sono ritirati molto nell’ultimo decennio.

Ora, i ricercatori che scrivono su Environmental Science & Technology Letters dell’ACS hanno rilevato delle “palle di catrame” che assorbono la luce nell’atmosfera himalayana, che potrebbero contribuire allo scioglimento dei ghiacciai.

La combustione di biomassa o di combustibili fossili rilascia particelle carbonacee che assorbono la luce e che possono depositarsi sulla neve e sul ghiaccio, accelerando eventualmente lo scioglimento dei ghiacciai. Ricerche precedenti hanno dimostrato che un tipo di particella, chiamata black carbon, può essere trasportata per lunghe distanze dal vento all’atmosfera himalayana. Ma molto meno si sa della presenza del carbonio marrone, una particella che può formare delle piccole sfere di catrame, piccole sfere viscose composte da carbonio, ossigeno e piccole quantità di azoto, zolfo e potassio. Weijun Li e colleghi volevano vedere quali tipi di particelle di aerosol individuali erano presenti nei campioni d’aria prelevati in una remota stazione di ricerca ad alta quota sul versante settentrionale dell’Himalaya.

Utilizzando la microscopia elettronica, i ricercatori hanno scoperto inaspettatamente che circa il 28% delle migliaia di particelle presenti nei campioni d’aria della stazione di ricerca himalayana erano palle di catrame, e la percentuale è aumentata nei giorni con elevati livelli di inquinamento. L’analisi dei modelli del vento e dei dati satellitari ha rivelato che una fitta serie di punti di fuoco attivi, corrispondenti alla combustione di residui di grano su larga scala sulla pianura indo-gangetica, si sono verificati lungo i percorsi delle masse d’aria che hanno raggiunto la stazione di ricerca himalayana durante il campionamento. Attraverso calcoli di modellazione, il team ha stimato che le palle di catrame depositate sulle superfici glaciali potrebbero contribuire ad un significativo effetto di riscaldamento. Di conseguenza, secondo i ricercatori, i futuri modelli climatici dovrebbero prendere in considerazione il trasporto a lungo raggio delle palle di catrame verso l’Himalaya.


Leggi: Evidence for Large Amounts of Brown Carbonaceous Tarballs in the Himalayan Atmosphere, Environmental Science & Technology Letters.

Fonte